FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Napoli, corruzione: arrestati Alfredo Romeo e il dg del Cardarelli

Lʼimprenditore, già indagato nellʼinchiesta Consip, e Ciro Verdoliva sono finiti ai domiciliari. Il manager dellʼospedale partenopeo è accusato anche di abuso dʼufficio

Napoli, corruzione: arrestati Alfredo Romeo e il dg del Cardarelli

La magistratura di Napoli ha disposto una misura cautelare nei riguardi di 16 persone per reati che vanno dalla corruzione alla frode. Tra i destinatari del provvedimento figurano l'imprenditore Alfredo Romeo e il direttore generale dell'ospedale Cardarelli di Napoli, Ciro Verdoliva. Per entrambi sono stati disposti gli arresti domiciliari.

L'inchiesta della magistratura di Napoli ruota intorno alla figura dell'imprenditore Alfredo Romeo e riguarda tre diversi filoni di ipotesi corruttive, relativi ad appalti riconducibili all'ospedale Cardarelli di Napoli, al Comune di Napoli e alla Soprintendenza per i beni culturali di Roma.

Verdoliva è accusato di abuso d'ufficio e corruzione in atti d'ufficio. L'inchiesta è dei pm Henry John Woodcock, Celeste Carrano e Francesco Raffaele, con la supervisione dell'aggiunto Filippo Beatrice. Sotto la lente dei magistrati della Dda di Napoli ci sarebbero gare d'appalto che si ipotizzano truccate. Ad eseguire la misura cautelare sono stati i carabinieri del comando provinciale di Napoli.

Non ci sarebbero legami tra questa inchiesta e l'indagine Consip che ha visto l'imprenditore Alfredo Romeo arrestato il 1 marzo scorso. Romeo era tornato in libertà il 16 agosto dopo l'annullamento della misura cautelare da parte del Tribunale del Riesame di Roma. A Romeo sono contestati otto capi di imputazione in particolare relativi a presunti episodi di corruzione.

Sono stati disposti gli arresti domiciliari anche per Giovanni Annunziata, ex direttore generale dell'ufficio patrimonio del Comune di Napoli, e per Ivan Russo, collaboratore dell'imprenditore Romeo. Nei confronti di altri 12 indagati sono state disposte misure interdittive. Tre queste ultime figurano quelle a carico di Emanuele Caldarera, direttore generale al ministero della Giustizia e a carico di Rossella Pesoli, funzionaria della soprintendenza archeologica delle belle arti di Roma.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali