FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Lʼallarme dei medici: "Morti 1500 braccianti migranti in Italia negli ultimi 6 anni"

Queste persone, denunciano in un articolo pubblicato sul British Medical Journal, "vivono in baraccopoli senza acqua, senza servizi igienici senza accesso ai servizi sanitari di base"

L'allarme dei medici: "Morti 1500 braccianti migranti in Italia negli ultimi 6 anni"

Fermare lo sfruttamento dei migranti che lavorano nell'agricoltura in Italia e che vengono pagati solo 12 euro per 8 ore di lavoro, schiavi dei campi che consentono di portare pomodori italiani a basso prezzo sulle tavole di tutto il mondo tutto l'anno. È l'appello lanciato da un gruppo di medici italiani sul British Medical Journal. E sono oltre 1.500, denunciano, i braccianti agricoli morti negli ultimi 6 anni in Italia a causa del loro lavoro.

A questi morti, affermano i medici su Bmj, "si aggiungono altre vittime, quelle uccise dal Caporalato".

Queste persone, denunciano, "vivono in baraccopoli senza acqua, senza servizi igienici senza accesso ai servizi sanitari di base", spiegano Claudia Marotta e colleghi della Ong Medici con l'Africa Cuamm. Dal 2015 l'organizzazione, in partnership con istituzioni locali, fornisce servizi sanitari di base a questo popolo di migranti sparsi per tutta Italia, che affollano in circa 100 mila 50-70 baraccopoli e che nonostante la legge 'sull'Agromafia', sono completamente privi di protezione.

"Salute, migrazione, economia, sviluppo sostenibile e giustizia sono tutti aspetti del nostro mondo tra loro interconnessi - scrivono gli autori dell'articolo - ed è un dovere per la comunità scientifica e clinica prendersi cura e dare voce a queste persone 'mute'".

"Tutti dobbiamo batterci contro lo sfruttamento, la discriminazione, il razzismo e l'egoismo, in qualsiasi forma si presenti", concludono.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali