FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Il sindaco di Milano lancia la battaglia del pennarello: "Penne e quaderni beni essenziali"

"Ne ho parlato con il prefetto e con il governo, speriamo che risolvano in fretta la questione e magari senza aspettare un Consiglio dei ministri", ha detto Sala

Il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, lancia la battaglia del pennarello e fa appello al governo affinché possa permettere alle famiglie di acquistare gli articoli di cartoleria nei supermercati. "In molte mi avete segnalato che non si trovano nei supermercati pennarelli, quaderni, fondamentali per far studiare i vostri ragazzi, perché non sono considerati articoli essenziali secondo il decreto del governo, ma lo sono", dice, rivolgendosi alle mamme, in un video pubblicato sui social.

"Vorrei dire alle mamme che ho ufficialmente lanciato la battaglia del pennarello - ha detto Sala nel suo quotidiano appuntamento-video sui social -. Ne ho parlato con il prefetto e con il governo, speriamo che risolvano in fretta la questione e magari senza aspettare un Consiglio dei ministri", ha concluso.

 

Niente visitatori, il coronavirus mette in ginocchio anche gli zoo safari

Nonostante diversi donatori che hanno dato supporto con cibo e medicine, allentando la difficile situazione, serve comunque un piano statale per gli zoo safari, visto che il coronavirus ha messo in ginocchio la loro attività (che consiste anche e soprattutto nella preservazione e conservazione del patrimonio genetico di certe specie in via di estinzione). Nelle immagini gli animali dello zoo safari di Pombia, Novara,

 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali