FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Il messaggio di una coppia al sindaco di Segrate (MI): "Siamo gay, possiamo venire a vivere da voi?”

Il primo cittadino: "È sconcertante che nel 2019 due persone omosessuali che si amano siano ancora costrette a tastare in questo modo il terreno al solo scopo di poter vivere felici"

Il messaggio di una coppia al sindaco di Segrate (MI): "Siamo gay, possiamo venire a vivere da voi?”

"Buongiorno, io e la mia compagna stiamo valutando se acquistare casa nel vostro comune. Volevo chiedere se a Segrate le persone omosessuali sono integrate bene nella società e se ci sono o ci sono stati episodi di discriminazione o bullismo. Essendo noi una coppia di donne con in progetto un bambino siamo interessate a capire l’approccio della comunità. Vi ringrazio. Buona giornata". Questo il messaggio arrivato al Comune di Segrate lunedì 8 aprile. Il sindaco Paolo Micheli si è detto sconcertato da una simile richiesta e ha aperto le porte alla coppia: "Siete le benvenute".

Il sindaco ha voluto pubblicare il messaggio su Facebook per condividere una riflessione con gli utenti: "Oggi pomeriggio è arrivato questo messaggio via Messenger al Comune. È sconcertante che nel 2019 due persone omosessuali che si amano siano ancora costrette a tastare in questo modo il terreno al solo scopo di poter vivere felici, senza nascondersi, la loro unione e magari metter su famiglia. Purtroppo il clima che si respira sull'argomento è sempre più allarmante. Se Maria e Anna (nomi di fantasia) vorranno accasarsi a Segrate, darò loro personalmente il benvenuto", ha scritto.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali