FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Giorno della memoria, Mattarella: "Combattere ogni germe di razzismo" | Draghi: "Ricordare è un impegno per il presente"

In tutto il mondo si ricorda il dramma dell'Olocausto. In Italia i presidenti di Senato e Camera depongono una corona di fiori in Largo 16 ottobre 1943, luogo simbolo della deportazione degli ebrei romani

Il 27 gennaio in tutto il mondo si celebra il Giorno della memoria, una data simbolica per ricordare le vittime del nazismo. Una ricorrenza che, secondo Sergio Mattarella, "non ci impone solamente di ricordare i milioni di morti, i lutti e le sofferenze di tante vittime innocenti, tra cui molti italiane, ma che ci invita a prevenire e combattere, oggi e nel futuro, ogni germe di razzismo, antisemitismo, discriminazione e intolleranza. A partire dai banchi di scuola". "Ricordare è impegno per il presente, fondazione per il futuro", afferma Mario Draghi.

"La conoscenza, l'informazione e l'educazione rivestono un ruolo fondamentale nel promuovere una società giusta e solidale. E, come recenti episodi di cronaca attestano, mai deve essere abbassata la guardia", ha sottolineato il presidente della Repubblica. Un messaggio al quale hanno fatto eco le parole del presidente del Consiglio: "Oggi ricordiamo l'orrore dell'antisemitismo e rinnoviamo il nostro impegno collettivo a contrastare ogni tentativo di cancellare la memoria".

 

 

A Roma il presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, e il presidente della Camera, Roberto Fico, hanno deposto una corona di fiori in Largo 16 ottobre 1943, luogo simbolo della deportazione degli ebrei romani. A riceverli Ruth Dureghello, Noemi Di Segni e il rabbino capo di Roma Riccardo Di Segni.

 

 

Milioni di persone furono sterminate per via della loro etnia, nazionalità o ideologia politica dal regime hitleriano. Un orrore che non ha annientato solo il popolo ebreo, che piange circa sei milioni di morti, ma anche gli emarginati e chi non si allineava con i principi del nazionalsocialismo.

 

 

L'antisemitismo in Europa si trasformò in un programma politico preciso quando Hitler salì al potere nel 1933. La persecuzione degli ebrei divenne sistematica e spietata in diversi Paesi, tra questi l’Italia fascista. Sono serviti anni per consentire alla storiografia di ricostruire numericamente l'Olocausto. La stima delle vittime oggi fa paura: si aggira attorno a 6 milioni di persone, metà delle quali uccise nei campi di concentramento o di sterminio. Un terzo della popolazione ebraica fu così cancellata dalla faccia della terra. Una vergogna per l'umanità che adesso ha il dovere di ricordare e riflettere.

 



Le minoranze dimenticate - Pochi sanno che tra le vittime dei nazisti ci furono migliaia di Testimoni di Geova. Il regime nazista li bollò come "nemici dello Stato". Allora conosciuti come "studenti biblici" rifiutarono apertamente "di accettare anche gli aspetti più marginali del nazismo contrari alla loro fede e al loro credo" - afferma la storica Christine King. I Testimoni furono tra i primi ad essere mandati nei campi di concentramento, dove portavano un simbolo sull'uniforme: il triangolo viola. Dei circa 35.000 Testimoni presenti nell'Europa occupata dai nazisti, più di un terzo subì una persecuzione diretta. La maggior parte fu arrestata e imprigionata. Centinaia dei loro figli furono affidati a famiglie naziste o mandati nei riformatori. Circa 4.200 Testimoni finirono nei campi di concentramento nazisti. Uno dei massimi esperti dell'Olocausto, lo storico Detlef Garbe, ha scritto: "L'intenzione dichiarata delle autorità naziste era di eliminare completamente gli Studenti Biblici dalla storia tedesca". Si stima che morirono 1.600 Testimoni, di cui 370 per esecuzione.

 

Tra i perseguitati dal Terzo Reich anche gli appartenenti a etnie nomadi, contrassegnati da un triangolo marrone. Nel 1938 fu emanata la legge per la “lotta alla piaga zingara” e nel maggio del 1941 arrivò invece l’ordine di eliminazione di “tutti gli indesiderabili dal punto di vista razziale e politico”, in cui erano compresi “comunisti, asiatici inferiori, ebrei e zingari”. L'anno successivo fu ordinato l’internamento di tutti gli zingari e meticci nel campo di Auschwitz-Birkenau. Per mano nazista morirono tra le 196mila e le 300mila persone.

Ogni minoranza veniva contrassegnata con un simbolo: il triangolo nero toccava agli "asociali" (tra cui i trans), il triangolo blu per gli emigrati antinazisti, uno rosso per i dissidenti politici e infine il rosa per gli omosessuali, che si stima sopravvissero in meno della metà ai campi di concentramento.

 

Il gesto simbolico dell'Europa - Quest'anno, per la prima volta, la Commissione ha deciso di illuminare il suo quartier generale, l'edificio Berlaymont, con #WeRemember, aderendo a una campagna globale co-organizzata dal World Jewish Congress e dall'Unesco in memoria delle vittime della ShoahPer. Un modo "per ricordare i milioni di donne, uomini e bambini ebrei, nonché tutte le altre vittime uccise dal regime nazista". "L'Olocausto è stato un disastro europeo. L'antisemitismo ha portato a questo disastro. L'antisemitismo disumanizza il popolo ebraico. Nella Germania nazista, questa disumanizzazione ha aperto le porte alla Shoah. Non dobbiamo mai dimenticare". Così la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali