FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Amanda Knox al Festival di Modena, lʼavvocato di Meredith: "Inopportuno"

La 31enne ha abbandonato lʼevento dedicato ai temi giudiziari dove prenderà la parola sabato pomeriggio. Il giudice che la assolse: "Fossi in lei starei in silenzio"

Amanda Knox, ospite a Modena del Festival della giustizia penale ha abbandonato il forum Monzani, all'interno del quale si stava svolgendo l'evento dedicato interamente a temi giudiziari, poiché infastidita dai fotografi. Intanto, non si placano le polemiche per la sua partecipazione all'evento. In merito, è intervenuto anche l'avvocato di Meredith Kercher, Francesco Maresca, che ha definito inappropriata la sua presenza al Festival: "Invitare Amanda a un comitato tecnico di giustizia è stato un errore. Gli avvocati di entrambe le parte sarebbe dovuti essere coinvolti".

Ressa di fotografi a Modena, Amanda Knox lascia la platea del forum Monzani

Ressa di fotografi al forum - La 31enne statunitense era tra il pubblico del convegno quando, accompagnata dal fidanzato Christopher Robinson, si è allontanata dal forum. Secondo quanto riporta Il Resto del Carlino, proprio il fidanzato della Knox, uscendo, avrebbe aggredito un fotografo. Dopo un'ora, la coppia è rientrata in sala e ha ricominciato a seguire i lavori del convegno.

"Metterei una pietra sopra quella vicenda. Io fossi in lei starei in silenzio, anche per rispetto di Meredith e dei suoi familiari. Le auguro di non sollevare troppo scalpore e non sfruttare la vicenda a livello economico e mediatico". E' quanto dichiarato all'Adnkronos da Claudio Pratillo Hellmann, che da presidente della Corte d'assise d'appello di Perugia assolse Amanda Knox e Raffaele Sollecito.

"Per me è tutto finito con quel processo. Umanamente posso essere contento: tornare in Italia per lei immagino significhi aver superato quel trauma psicologico. Detto ciò, il suo arrivo mi è indifferente. Ho la soddisfazione di aver contribuito ad aver salvato la vita di quelle persone", ha aggiunto.

La Knox si è commossa ascoltando gli interventi di Peter Pringle, irlandese che ha trascorso 14 anni nel braccio della morte perché accusato di un omicidio dal quale poi è stato scagionato, e di Angelo Massaro, tarantino assolto (e scarcerato) dopo una condanna per omicidio. L'americana ha poi abbracciato Pringle al termine dell'intervento e ha scambiato qualche parola con Massaro.

Per il magistrato, "il clima di diffidenza che c'è nei confronti di Amanda e Sollecito in Italia è nato con il clamore mediatico che fin dalle indagini li additava come i responsabili dell'omicidio di Meredith. La gente è colpevolista: è più semplice scaricare le colpe e le responsabilità su qualcuno. La verità è che l'umanità è sostanzialmente malvagia e le persone vedono se stesse specchiandosi inconsapevolmente negli altri. Il male è in noi ed è facile vederlo negli altri. Quelli nei confronti di Amanda sono giudizi superficiali, ma non c'è da stupirsi: noi siamo fortemente anti-italiani. Sollecito ha infatti difficoltà a trovare un lavoro perché molti non gli credono ancora. Amanda, invece, non ha avuto problemi a rifarsi una vita perché in America le credono".

Il ritorno di Amanda Knox: sorrisi e spritz con il fidanzato allʼevento di Modena

Amanda Knox alla presentazione del festival della Giustizia penale, nella facoltà di Giurisprudenza a Modena. Spritz e sorrisi con il fidanzato Christopher Robinson, che l'ha accompagnata nel suo viaggio di ritorno in Italia dopo quattro anni. Nel 2015 l'americana venne assolta dall'accusa di aver ucciso Meredith Kercher e da allora non aveva più fatto ritorno nel nostro Paese

leggi tutto

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali