FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Emergenza siccità, verso la nomina di un commissario straordinario: ecco cosa farà e gli interventi in programma

Il governo si prepara a stanziare le prime misure contro la crisi idrica attraverso un decreto legge. E intanto è pronto a ufficializzare lo stato di emergenza per le Regioni che ne hanno fatto richiesta

Venti "interventi prioritari" da realizzare "entro e non oltre" il 2024 per far fronte alla crisi idrica che sta colpendo l'Italia.

È uno dei compiti che spetterà al

Commissario straordinario per l'emergenza siccità

, figura che il governo si prepara a nominare con un decreto legge la prossima settimana. Intanto l'esecutivo è pronto a ufficializzare nella giornata di lunedì la dichiarazione di stato d'emergenza nazionale per le Regioni che ne hanno fatto richiesta (al momento Lombardia, Piemonte, Veneto, Friuli-Venezia Giulia ed Emilia-Romagna).


I compiti del Commissario

- Il Commissario straordinario resterà in carica fino al 31 dicembre 2024 e si avvarrà di una struttura composta da 30 unità. Potrà servirsi dello strumento dell'ordinanza in deroga per realizzare con maggiore velocità gli interventi contro la siccità, tra cui il potenziamento e l'adeguamento delle reti idriche. Dovrà inoltre verificare che le Regioni adottino le misure previste per razionalizzare i consumi ed eliminare gli sprechi. Le inadempienze verranno segnalate ai gestori.



Una doppia strategia

- Gli interventi cui il governo sta pensando sono duplici. In primis, sono previsti stanziamenti per finanziarie i settori più colpiti, specie l'agricoltura. Come si legge nella bozza del decreto legge, la siccità "potrebbe determinare gravi ripercussioni sul tessuto economico e sociale". In seguito, verranno decisi gli interventi strutturali per porre rimedio a criticità storiche, come le reti che perdono oltre il 30% della loro portata. L'approvazione di progetti da parte del Commissario sostituisce ogni autorizzazione, visto e nulla osta per l'avvio o la prosecuzione dei lavori.


 


Le prime misure

- Secondo il Corriere della Sera, le prime misure a essere approvate saranno il rilascio d'acqua dalle dighe e il collegamento temporaneo di acquedotti vicini. Le spese per le autobotti utilizzate per l'approvvigionamento saranno a carico dello Stato, e non più dei Comuni. A coordinare gli interventi sarà il capo della Protezione civile Fabrizio Curcio, o un suo delegato.


Con la siccità la piaga degli incendi, la foto simbolo del vigile del fuoco "sfinito dopo l'intervento"

Sono giorni di fuoco, letteralmente, a Roma e nel Lazio. Alle temperature che superano i 30 gradi e alla siccità si aggiunge la piaga degli incendi. E un'immagine simbolo degli ultimi roghi è quella del vigile del fuoco "sfinito dopo l'intervento" nel comune di Montelibretti, a circa 30 chilometri a nord-est di Roma, sulle pendici dei Monti Sabini. "Lo sforzo psicofisico per spegnere un incendio di vegetazione è notevole - si sottolinea nella didascalia che accompagna la foto sulle pagine social ufficiali dei vigili del fuoco - e in questi giorni le nostre squadre sono messe a dura prova. Grazie sempre a tutti i #vigilidelfuoco per il loro lavoro". Nelle ultime 24 ore sono stati oltre 140 gli interventi effettuati dalle squadre vvff del Comando di Roma nella Capitale e in provincia. Di questi, 84 sono stati incendi di sterpaglie e colture. In particolare, è stato piuttosto vasto e impegnativo il rogo in zona Casetta Mattei, dove le fiamme sono arrivate a ridosso delle abitazioni.

Leggi Tutto Leggi Meno


L'anticipazione di Draghi

- Nei giorni scorsi, il presidente del Consiglio Mario Draghi aveva già annunciato la realizzazione di un piano di emergenza nazionale contro la crisi idrica, "la più grave degli ultimi 70 anni". Gli ha fatto eco il ministro per gli Affari regionali Mariastella Gelmini, che ha sottolineato come il Consiglio dei ministri avrebbe preso "decisioni importanti e coraggiose" la prossima settimana. "È indispensabile utilizzare al meglio la poca acqua che abbiamo in questo momento, dando priorità agli usi potabili e a quelli agricoli", ha evidenziato.


 


"Faremo tutto il possibile"

- "Le Regioni hanno fatto finora un ottimo lavoro, ma il protrarsi della crisi idrica impone un intervento del governo sia per contemperare i diversi interessi sia per introdurre norme straordinarie in un momento straordinario", ha detto Gelmini. "Naturalmente l'azione dell'esecutivo sarà portata avanti con un confronto continuo e costruttivo con gli enti competenti, a partire proprio dalle Regioni. Faremo tutto ciò che è in nostro potere per superare questa situazione emergenziale", ha promesso.



Le ultime ordinanze anti-sprechi

- Alle ordinanze sparse in tutta Italia contro gli sprechi d'acqua si aggiunge quella firmata dal neosindaco di

Verona

Damiano Tommasi. L'amministrazione comunale ha deciso di limitare l'uso dell'acqua potabile ai fini domestici, per la pulizia personale e per l'igiene. Fino al 31 agosto sarà quindi vietato usare acqua potabile per irrigare orti, giardini e campi sportivi, nonché per lavare automobili - salvo gli impianti autorizzati - e riempire le piscine.


 


Decisioni simili anche per un altro capoluogo di provincia, quello di

Pisa

. Il sindaco Michele Conti ha firmato un provvedimento per razionalizzare il consumo d'acqua potabile vietandone l'uso improprio. Dall'11 luglio al 31 agosto sarà vietato su tutto il territorio comunale l'utilizzo dell'acqua potabile proveniente dagli acquedotti urbani e rurali per scopi diversi da quelli igienico-domestici. Le violazioni saranno punite con sanzioni da 100 a 500 euro.


TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali