FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Coronavirus, ecco cosa riapre dal 14 aprile (ma non in tutte le Regioni) | "Quest'estate andremo al mare": il governo vaglia misure

Librerie e cartolerie sono tra negozi che hanno fatto più discutere. Ma nel decreto ci sono anche gli studi professionali e soprattutto i magazzini delle industrie. Lombardia, Veneto e Campania però fanno delle ordinanze ad hoc

Coronavirus, la nuova vita degli italiani su balconi e terrazzi

I più fortunati hanno terrazzi (privati o condominiali) dove passare qualche minuto della loro giornata senza infrangere i divieti. Ma anche i balconi sono merce molto ambita in questo periodo di quarantena. E così la socialità degli italiani, quelli bravi che rispettano le regole, si modifica e si trasferisce in queste piccole pertinenze.

Il 14 aprile è la data fissata dal governo per allentare il lockdown. E' prevista la riapertura di librerie, cartolerie, negozi di vestiti per bambini e neonati. Ma anche studi professionali e gli importanti magazzini delle industrie che si possono così rifornire di materie prime. Ma non tutte le Regioni sono d'accordo e per questo hanno emanato ordinanze per limitare le riaperture. Al vaglio del governo c'è anche il "dossier estate".

Al vaglio misure per salvare le vacanze al mare Inizia a emergere anche il "dossier estate", con il timore di spiagge chiuse e turismo ancora bloccato. Ma il sottosegretario al Mibact Lorenza Bonaccorsi assicura che "andremo al mare", con misure per il distanziamento in spiaggia. "Ci stiamo lavorando - ha spiegato - dal punto di vista degli atti amministrativi necessari per gli stabilimenti, immaginando una serie di normative prese con il comitato tecnico scientifico, che contemplano l'ipotesi di un distanziamento". Bonaccorsi ha quindi aggiunto che sono allo studio misure per consentire lo sviluppo di un "turismo di prossimità" che favorisca i borghi rispetto alle aree più affollate.

 

Cosa ha autorizzato alla riapertura il governo - Intanto lo "sblocco" previsto dal governo comprende alcuni codici Ateco legati al settore dell'agricoltura e del legname: silvicoltura ed utilizzo aree forestali; industria del legno e dei prodotti in legno e sughero, con l'esclusione dei mobili; fabbricazione di articoli in paglia e materiali da intreccio; fabbricazione di macchine per l'agricoltura e la silvicoltura; commercio all`ingrosso di fertilizzanti e di altri prodotti chimici per l`agricoltura; cura e manutenzione del paesaggio. Per le attività che restano sospese sarà  comunque possibile entrare in azienda per vigilanza o manutenzione, per la gestione dei pagamenti (a partire dalle buste paga) e per la sanificazione. Si potranno anche spedire e ricevere merci, tutto previa comunicazione al Prefetto. Le fabbriche e le attività aperte devono assicurare "prioritariamente la distribuzione e la consegna di prodotti deperibili e dei generi di prima necessità". Inoltre è stata prevista la riapertura dei magazzini delle industrie che potranno così far viaggiare i migliaia di container fermi nei porti con le loro materie prime. Questo è il preludio alla ripartenza visto che senza materie prime anche le industrie non possono ricominciare a produrre.

 

 

Cosa blocca la Lombardia - I numeri dell'epidemia in Lombardia non sono ancora rassicuranti e per questo il governatore Fontana è stato il primo a emanare l'ordinanza con la quale "scavalca" il decreto nazionale e ordina la proroga del blocco. Sì alla riapertura di negozi di articoli per bambini e neonati ma no a librerie e cartolerie. 

 

Anche la Campania chiude librerie e cartolerie - In Campania cartolerie e librerie non riapriranno martedì ma resteranno chiuse fino al 3 maggio: lo stabilisce un'ordinanza dal presidente della Regione Vincenzo De Luca, il quale ricorda che "risultano diffusi sul territorio nuovi e diversi cluster familiari e locali, presumibilmente originati dalla inosservanza delle misure di distanziamento sociale prescritte, che destano notevoli preoccupazioni". Quanto ai negozi che vendono abbigliamento per bambini e neonati, riaperti dal Dpcm nazionale, De Luca stabilisce che in Campania potranno operare solo due mattine a settimana, il martedì e il venerdì con orario 8:00-14:00. Nella settimana del 1 maggio 2020, l'apertura è consentita nelle mattinate del martedì e del giovedì, sempre dalle 8 alle 14. 

 

Italiani chiusi in casa, a Pasquetta i parchi deserti

 

Il Veneto controcorrente, si torna anche all'attività fisica - Mentre altri chiudono ancora di più le maglie, il Veneto sembra  andare controcorrente e comincia a far ripartire la regione. Il 60% delle aziende venete non ha mai chiuso, pur rispettando le norme in vigore. Da una parte vengono strette le norme di convivenza con la distanza sociale portata a 2 metri soprattutto quando ci si trova in coda magari al supermercato. Dall'altra si dà fiducia ai veneti autorizzando le grigliate nei giardini di famiglia (ma senza invitare estranei al nucleo familiare) e l'attività fisica solitaria oltre i 200 metri da casa.

 

Il Piemonte non riapre - Anche il Piemonte segue la Lombardia e con una ordinanza firmata dal presidente della Regione, Alberto Cirio, si prorogano le misure attualmente in vigore fino al 3 maggio. Restano quindi chiuse anche le librerie, le cartolibrerie e i negozi di abbigliamento per l'infanzia.

 

Anche la Sicilia proroga misure restrittive - Il presidente della Regione siciliana Nello Musumeci ha emanato una  nuova ordinanza valida fino al 3 maggio e che di fatto proroga in Sicilia misure più restrittive recependo alcune disposizioni previste dall'ultimo Dpcm sull'emergenza coronavirus, come ad esempio la riapertura di cartolibrerie.  Il Governatore conferma dunque chiusura dei negozi di generi alimentari la domenica e nei giorni festivi (come avvenuto per Pasqua e pasquetta), il divieto di attività motoria e di passeggiate con i figli anche nei pressi della propria abitazione e ribadisce l'obbligo soft della mascherina. 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali