FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Dalle montagne bergamasche alla Brianza: cervo in fuga muore di crepacuore

Lʼanimale, del peso di 200 chili, è giunto nel parco pubblico di Cavenago. Immobilizzato e sedato, non è arrivato vivo allʼOasi Wwf di Vanzago. Sul web scoppia la polemica: intervento maldestro?

Nella sua lunga discesa dalle montagne bergamasche, un cervo di 200 chili ha trovato la morte in un parco pubblico di Cavenago di Brianza (Monza). L'animale nella mattina di sabato 30 marzo era stato prima avvistato all'interno del giardino di una scuola elementare, poi nell'area cani di un parco pubblico cittadino. Qui sono scattate tutte le misure per la cattura, come testimoniano le numerose immagini e i video diffusi sui social network. Ma la storia del cervo in fuga non ha avuto un lieto fine: è morto di crepacuore mentre veniva trasportato all'Oasi Wwf di Vanzago (Milano). E sul web si è scatenata la polemica: intervento maldestro?

Monza, cervo catturato dalla polizia muore di crepacuore

Il tragico epilogoAi presenti è sembrata una scena da film western con l'animale, a un certo punto, circondato da agenti di polizia provinciale e del corpo della protezione civile Brianza est e un veterinario Asl; poi braccato, preso al laccio e infine sedato per essere portato via. L'intervento è durato un'ora. Ma la paura per il cervo deve essere stata tanta, così il suo cuore non ha retto.

Le accuse e la difesaLa vicenda ha scatenato polemiche sul web. Ma gli intervenuti all'operazione di cattura sui media locali si difendono. "Non è il primo episodio del genere - ha fatto scudo alle critiche, dal profilo Facebook ufficiale del suo ente, il presidente della provincia Roberto Invernizzi - ma i nostri uomini sono preparati a far sì che questi particolari incontri si risolvano senza incidenti per l'animale e per la cittadinanza".

"Abbiamo seguito tutte le operazioni da protocollo, anche nella scelta del dosaggio dell'anestetico - conferma il comandante del nucleo di polizia provinciale Flavio Zanardo a Il Giornale di Vimercate. - Con tutta probabilità il cervo è morto per lo stress accumulato nel suo peregrinare in città. Ci dispiace molto, ma l'obiettivo primario era salvaguardare la tutela pubblica".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali