FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Covid, Agenas: terapie intensive stabili al 17%, ma sette Regioni oltre il 20%

L'occupazione nei reparti ordinari rimane al 30% ma cresce in 12 Regioni. Nelle urgenze il tasso scende in 4 Regioni e sale in altrettante

covid coronavirus terapie intensive terapia intensiva ospedale
IPA

La percentuale di terapie intensive occupate da pazienti Covid resta al 17% in Italia ma 7 Regioni sono oltre il 20%: Trento (27%), Piemonte (24%), Friuli e Toscana (22%), Lazio, Marche e Val d'Aosta (21%). A livello giornaliero la percentuale di posti occupati da pazienti Covid nei reparti ospedalieri resta al 30% in Italia, ma cresce in 12 Regioni, con punte del 57% in Val d'Aosta e dieci Regioni oltre il 30%. E' quanto riportano i dati Agenas del 24 gennaio.

Terapia intensiva, chi sale e chi scende - L'occupazione dei reparti di terapia intensiva scende in quattro Regioni: Lazio (21%), Bolzano (17%), Piemonte (24%), Puglia (13%), ma sale in altrettante: Basilicata (8%), Trento (27%), Toscana (22%), Veneto (17%). Rimangono stabili Abruzzo (20%), Calabria (16%), Campania (12%), Emilia Romagna (17%), Friuli (22%), Liguria (18%), Lombardia (15%), Marche (21%), Molise (5%), Sardegna (15%), Sicilia (19%), Umbria (9%), Val d'Aosta (21%).  

 

GRAFICO: La pressione sulle terapie intensive (dati in %)

 

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali