FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Covid, 88enne porta la Regione Sardegna in tribunale per farsi vaccinare

I legali hanno depositato una procedura d'urgenza nella quale si chiede al Tribunale civile di Cagliari di ordinare alla Regione l'immediata somministrazione del vaccino

covid coronavirus vaccino vaccini generica
Ansa

Nonostante i numerosi tentativi di mettersi in comunicazione tramite e-mail e telefono con il Centro prenotazioni e nonostante rientrasse nella prima fascia di vaccinazione perché anziana ma anche cardiopatica e diabetica, non è mai stata chiamata. Inoltre, per settimane non è riuscita ad accedere al portale della Regione per prenotare la vaccinazione anti-Covid. Così una donna di 88 anni di Cagliari ha deciso di rivolgersi ai suoi avvocati per poter essere vaccinata. I legali hanno depositato una procedura d'urgenza nella quale si chiede al Tribunale civile del capoluogo sardo di ordinare alla Regione l'immediata somministrazione del vaccino. 

"Risulta chiara ed evidente l'irresponsabile condotta omissiva della Regione Sardegna - scrivono gli avvocati Carlo Pistincu e Franco Villa - tanto è vero che la signora M. non ha ricevuto alcun sms contenente l'invito a vaccinarsi, non le è stato consentito di accedere e registrarsi al portale predisposto dall'autorità amministrativa ed infine, nonostante la pubblicità istituzionale, dal 1° aprile non è stato possibile mettersi in contatto con il Cup tramite il numero dedicato. Vano anche il tentativo di validare il proprio codice fiscale e la propria tessera sanitaria, pur eseguendo la procedura indicata in maniera corretta”.

 

L'88enne le ha tentate davvero tutte, persino un blitz alla Fiera di Cagliari dove, però, è stata respinta. "Risulta inaccettabile il silenzio della Regione Sardegna che ha abbandonato a sé stessa una propria cittadina, lasciandola in balia degli eventi", si legge nel documento di Villa e Pistincu, aggiungendo che "alla ricorrente non sia stata ancora fornita una data per la somministrazione del vaccino né la certezza di essere stata inserita nella lista delle persone che dovranno essere convocate per la vaccinazione". 

 

I legali hanno chiesto al Tribunale una decisione immediata anche perché "la mancata somministrazione del vaccino alla ricorrente, espone quest'ultima all'evidente pericolo per la propria vita tanto più che la signora è un soggetto estremamente vulnerabile considerate le patologie sofferte".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali