FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Cortina 2021, Gianna Nannini alla cerimonia di apertura dei mondiali di sci ma la polizia è contraria: "Ha offeso gli agenti"

Sap: "Sapere che ci sarà lei a rappresentare lʼItalia è estremamente deludente. Faccio appello al presidente del Coni affinché cancelli questa macchia su un evento che gli italiani aspettano da tempo"

gianna nannini storiche
ipa

Continua la polemica della polizia su Gianni Nannini dopo il suo video "L'aria sta finendo", in cui si vedono gli agenti in divisa con facce da maiali picchiare persone di colore inermi. La cantante canterà alla cerimonia di apertura dei Mondiali di sci alpino di Cortina 2021. Ma la polizia è contraria. "Per tutti deve essere un orgoglio che i mondiali di sci si svolgano in Italia, cosa diversa la decisione di far esibire sul palco la sera della cerimonia di apertura Gianna Nannini, che recentemente ha mostrato mancanza di rispetto nei confronti dei rappresentanti delle istituzioni, i quali si sacrificano quotidianamente sulle strade del nostro Paese per garantire la sicurezza di tutti", ha detto Stefano Paoloni, segretario generale del Sap (Sindacato Autonomo di Polizia) come riporta Il Gazzettino.

"Ho letto che durante tale cerimonia alcuni tra i nomi importanti della musica italiana saliranno sul palco, ma sapere che tra di essi ci sarà chi ha offeso e deriso chi veste una divisa, mi lascia oltremodo deluso. Mi riferisco al video della Nannini, e alla risonanza che ha avuto per le scene che riguardano poliziotti o comunque forze dell'ordine disegnati con la faccia da maiali. Alle timide scuse dell'artista non vi è poi stata consequenzialità, poiché quella parte del video non è stata modificata e tutto ciò, lascia in chiunque abbiamo un senso istituzionale, un profondo senso di amarezza", ha aggiunto Paoloni.


L'appello al Coni - Per questo, il Sap si appella al Coni: "Sapere che ci sarà lei a rappresentare l'Italia è estremamente deludente. E faccio appello al presidente del Coni, Giovanni Malagò, affinché cancelli questa macchia su un evento che tutti gli italiani e appassionati, aspettano da tempo. Personalmente, invito tutti gli italiani di buon senso e che stimano gli appartenenti alle forze dell'ordine a non seguire il momento in cui la Nannini dovesse salire su quel palco. Ricordo che molti atleti che rappresenteranno l'Italia in queste competizioni sono degli appartenenti alle forze dell'ordine o delle forze armate e trovo mortificante che la Nannini li possa immaginare con la faccia da maiale", ha concluso Paoloni. 


Coisp: "Rivalutare la presenza di Nannini all’apertura" - Della stessa opinione Domenico Pianese, segretario generale del sindacato di Polizia Coisp. "Chiediamo agli organizzatori dei Campionati del mondo di sci alpino che stanno per iniziare a Cortina, di riflettere sull'inopportunità di ospitare alla cerimonia istituzionale dell'apertura Gianna Nannini. La cantante infatti ha recentemente lanciato una canzone accompagnata da un videoclip profondamente lesivo dell'immagine e dell'impegno delle Forze di Polizia", ha fatto sapere in una nota.

 

"Ai mondiali di sci, coloro che Nannini ha rappresentato come dei maiali si occuperanno della sicurezza di tutti: dagli atleti alle persone che quotidianamente lavorano per assicurare lo svolgimento di questa grande manifestazione internazionale. Riteniamo perciò doverosa una valutazione sulla scelte fatte", ha concluso.
 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali