FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Coronavirus, perché le donne sono meno esposte degli uomini

Secondo le statistiche cʼè una differenza di genere nel tasso di letalità. Tra le ipotesi al vaglio degli scienziati fattori genetici ma anche ormonali e il fumo, più diffuso negli uomini anziani

Coronavirus, la chiesa di Seriate piena di bare | Il parroco: "Viene da chiedersi dov'è Dio"

La chiesa di San Giuseppe, a Seriate (Bergamo), è piena di bare di persone morte in seguito all'epidemia di coronavirus. Il parroco Don Mario: "Viene da chiedersi dov'è Dio". Le salme destinate alla cremazione vengono poi trasferite fuori regione dall'esercito, mentre saranno i carabinieri a consegnare le ceneri ai familiari.

Dai dati che emergono ogni giorno sull'epidemia da coronavirus in Italia sembrerebbe che gli uomini siano la fascia "debole" nella risposta al Covid-19. Tra le donne infatti ci sono meno contagi e vittime e più guarigioni, come accade per giovani e bambini. Come scrive il Corriere della Sera, sono varie le ipotesi al vaglio degli scienziati in merito: dalla risposta immunitaria al fattore genetico al fumo. Per Franco Locatelli, presidente dell'Istituto Superiore di Sanità, "andranno fatti studi approfonditi".

Il sistema immunitario e l'importanza degli estrogeni Un fattore che sembra incidere sulla differente risposta immunitaria tra uomini e donne è quello ormonale. Le donne infatti producono molti più estrogeni. Gli ormoni femminili hanno un ruolo importante nella regolazione del sistema immunitario e sono in grado di stimolare maggiormente la risposta contro i virus, rispetto a quanto avviene nell’organismo maschile. Inoltre il virus penetra nel nostro corpo attraverso l'Ace 2, una proteina che riveste un ruolo importante nella protezione dei polmoni. Nelle donne l'Ace 2 viene espresso in maggiore quantità grazie agli estrogeni.

 

Il recettore del virus è sul cromosoma X, le donne ne hanno due Anche la genetica potrebbe avere un ruolo importante nell'influenzare le differenze di genere poiché secondo recenti studi il recettore principale del virus è localizzato sul cromosoma X. Come dice Giuseppe Novelli, genetista dell'Università Tor Vergata, "le donne ne hanno due quindi potrebbero avere una maggiore resistenza all'infezione perché dispongono di una maggiore variabilità di risposta".

 

Il fumo di sigarette più diffuso nei maschi anziani Un altro fattore che spiegherebbe la differente risposta all'infezione tra uomini e donne è il fumo. Secondo un recente studio cinese c'è un aumento significativo del rischio, di tre volte superiore, di sviluppare polmonite severa "in pazienti con una storia di consumo di tabacco rispetto ai non fumatori". E secondo le statistiche, in Italia, il fumo di sigarette in età avanzata è più diffuso negli uomini rispetto alle donne.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali