FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Coronavirus, l'appello di Pio, 6 anni: "Se tu non stai a casa, le persone deboli come me rischiano di morire"

Le parole di Pio commuovuono il web. "Ho subito un trapianto e sono immunodepresso - scrive un bimbo di 6 anni, che abita nel Casertano - vi prego, restate a casa: chi come me ha zero difese se si ammala..."

"Se vuoi salvarmi, resta a casa": Inizia così il messaggio di Pio, 6 anni, un bimbo immunodepresso che vice a Cesa, nel Casertano. Pio ha subito un trapianto e chiede a tutti di proteggere lui e le altre persone deboli, in precarie condizioni di salute. Come? restando a casa, come disposto dal decreto del governo in questi giornio di emergenza per il diffondersi del coronavirus.

 

L'appello - "Sai cosa significa immunodepresso - continua Pio in un post pubblicato su Facebook da Amelia, la sua mamma - te lo spiego in 4 semplici parole: zero anticorpi, zero difese immunitarie". Un post che ha commosso il web e che sta facendo riflettere tutto il paese. "Abito a Cesa - aggiunge il piccolo Pio, rivolgendosi a tutti coloro che violando le norme anti-contagio continuano a non rispettare le disposizioni di legge - il sindaco cerca in tutti i modi di proteggere me e altre persone più deboli come me ma... se tu non resti a casa, il suo aiuto sarà vano... pensaci... Grazie".

 

I casi di contagio - Un messaggio accorato, scritto con tanto di sottolineature in rosso - dal più piccolo e indifeso tra i cittadini, un soggetto fortemente a rischio se dovesse risultare contagiato dal Coronavirus. Proprio a Cesa, si sono verificati tre casi di contagio, l'ultimo meno di 24 ore fa. Il sindaco Enzo Guida continua a chiedere a suoi concittadini di non uscire, ma di gente per strada ce n'è, anche se fioccano le denunce.

 

Il post sui social - Mamma Amelia è molto preoccupata. Ha scattato una foto del messaggio di Pio e l'ha postata sui social. Anche il dirigente dell'istituto frequentato dal bimbo e lo stesso sindaco hanno condiviso l'appello su Instagram. "Amore, che tenerezza... proteggilo, Amelia, mi raccomando" - è il primo dei tantissimi commenti su facebook. "Tesoro mio, il Signore ti benedica e ti dia la forza e il coraggio. Noi restiamo a casa: ti vogliamo bene" - scrivono amici e conoscenti della famiglia. Le condivisioni ormai non si contano. "Amelia, anche la mia Annarita, come Pio, è più delicata - scrive un'altra mamma - e per renderla più forte ho bisogno dell'intelligenza delle persone".

 

Restate a casa - L'intelligenza delle persone, appunto... Come le condivisioni del messaggio del piccolo Pio, anche gli appelli e gli inviti degli esperti ormai non si contano. "State a casa", ordina il decreto del governo. Un ordine che se non rispettato rischia di far esplodere ancora di più un'epidemia che sta facendo migliaia di vittime in Italia e in tutto il mondo. Anche tra persone non immunodepresse come il bimbo di Caserta. E l'appello di Pio suona come un'ultima chiamata che fa riflettere e scuote le coscienze.

 

 

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali