FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Coronavirus, in Italia è record di guariti e calo dei malati | Iss: tasso di contagiosità sotto 1 in tutte le Regioni

Angelo Borrelli chiude le conferenze della Protezione civile: "Ci avviamo verso una nuova fase dellʼemergenza". Tutti i dati in calo anche in Lombardia

 tamponi, coronavirus, covid-19

Numero record di guariti, calo dei malati e dei ricoveri in terapia intensiva nelle ultime 24 ore scandiscono il conto alla rovescia verso il 4 maggio, avvio della Fase 2 dell'emergenza coronavirus. "La curva epidemica in Italia continua a decrescere e il tasso di contagiosità è sotto 1 in tutte le Regioni (in media ogni positivo contagia meno di una persona, ndr)", conferma l'Istituto superiore di sanità.

Rimane ancora però molto lontana l'immunità di gregge", che si avrebbe con il 60% della popolazione colpita da Covid-19. Quindi "avanti passo dopo passo", ripete il presidente dell'Iss, Silvio Brusaferro. Per gli esperti, da lunedì si apre una nuova fase in cui saranno decisivi - oltre a igiene, mascherine e distanziamento - anche la capacità di individuare e isolare subito eventuali nuovi focolai.

 

Il parametro R con zero L'obiettivo dichiarato è quello di "stare sotto l'indice di contagio R con zero pari a 1 - dice l'esponente del Comitato tecnico scientifico - considerando che i casi che abbiamo ogni giorno sono solo la punta dell'iceberg" e gli asintomatici stimati tra il 4 e il 7%.

 

Coronavirus, la sanificazione di un reparto di assemblaggio e la nuova mensa nella fase 2

Alcune aziende si sono già organizzate per affrontare la fase 2. Alla New Holland di CNH Industrial, a Modena, si effettuano operazioni di sanificazione del reparto di assemblaggio alla fine del turno di lavoro. Misure di distanziamento sociale anche per la mensa interna allo stabilimento. 

La ceramica Florim ha parzialmente riaperto i propri impianti fornendo ai propri dipendenti le mascherine e altri strumenti di protezione dal virus.

 

Le zone rosse Il provvedimento più forte è l'istituzione delle zone rosse, l'isolamento di intere comunità come a Codogno e Vo' Euganeo (Padova). Al momento in Italia sono 74 in altrettanti Comuni di sette Regioni. Proprio le differenze territoriali stridenti nel contagio sono oggetto non solo dello scontro istituzionale, ma anche dell'attenzione degli esperti e del ministero della Salute.

 

I dati della Protezione civile I numeri a volte criticati della Protezione civile indicano 75.945 guariti finora, con un incremento record di 4.693 nell'ultima giornata. Calo senza precedenti in 24 ore anche dei malati, scesi a 101.551, con un decremento di 3.106. Di questi 2.299 registrati nella sola Emilia-Romagna. I morti sono 285, portando il totale sempre più spaventoso vicino ai 28mila.

 

Borrelli: "Niente più conferenze" "Ci avviamo verso una nuova fase dell'emergenza e dunque abbiamo deciso di interrompere qui la nostra conferenza stampa. Ma non mancheremo di fornire gli aggiornamenti quotidiani, come abbiamo sempre fatto". Dopo 68 giorni consecutivi e 73 conferenze stampa, il capo della Protezione Civile Angelo Borrelli chiude gli incontri quotidiani con i giornalisti per la lettura e la spiegazione del bollettino dei dati dell'emergenza coronavirus. Un appuntamento che per settimane è stato l'unica finestra ufficiale del governo sulla pandemia, entrato ogni giorno nelle case degli italiani dal 23 febbraio, due giorni dopo la scoperta del paziente 1 a Codogno.

 

Positivi e tamponi Luca Richeldi, componente del Cts, esalta la percentuale dei positivi trovati rispetto ai tamponi fatti: appena 2,7%, la più bassa di sempre, "una soglia cruciale". In realtà - essendo un terzo circa dei tamponi delle ripetizioni - la percentuale è del 4,51%. In ogni caso la più esigua in assoluto. In sostanza dei 68.456 tamponi registrati in 24 ore - mai così tanti -, solo il 60% sono stati eseguiti su persone nuove.

 

Numeri confortanti "I dati di oggi sono molto confortanti - afferma Richeldi - perché indicano che stiamo andando nella direzione giusta. Sei Regioni non fanno registrare decessi e altre nove ne hanno meno di dieci. Se guardiamo agli ultimi 15 giorni abbiamo dimezzato il numero dei deceduti, raddoppiato quello dei guariti, ridotto della metà le terapie intensive e significativamente quello dei ricoverati".

 

Coronavirus, ecco la tuta anti-contagio per chi non vuole rinunciare alla vita notturna

In attesa di scoprire quando saranno riaperte discoteche e locali notturni in Italia ecco svelata una tuta in polifeniletere per proteggere dal contagio da coronavirus tutti gli amanti della nightlife. Il completo, denominato "Micrashell", è stato progettato dallo studio Production Club di Los Angeles, con sede in Spagna, e consente alle persone di riunirsi e festeggiare in totale sicurezza evitando il rischio di contagio. Tra i "gadget" presenti c'è anche un sistema di fornitura di bevande, altoparlanti integrati, la possibilità di accedere allo smartphone, videocamera di sicurezza, comunicatore vocale e un casco traspirante. Secondo i progettisti, ci sarebbe addirittura la possibilità di fare sesso senza togliersi la tuta. "Alla luce del devastante impatto del coronavirus sulle aziende della musica, degli eventi dal vivo e della vita notturna, Production Club ha esteso le sue risorse creative per progettare dispositivi di protezione individuale che potrebbero essere impiegati per riunire le persone e rivitalizzare un ecosistema ricco di aziende“.

 

FOTO©Ferrari Press/IBERPRESS News

 

Dati incoraggianti anche in Lombardia, con 93 decessi e un calo dei nuovi contagi (+22 a Bergamo, +56 a Milano). La Regione più colpita sarà anche quella che vedrà una ripartenza comunque forte lunedì in virtù del tessuto produttivo.

 

L'Italia torna al lavoro L'Inail rende noto che in tutta Italia dal 4 maggio ritorneranno fisicamente sul posto di lavoro 4,5 milioni di persone. E finora il 67,8% delle 28mila denunce di infortunio per contagio da coronavirus (con 98 morti) arriva da Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna e Veneto.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali