FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Coronavirus, "In 4 giorni abbiamo perso papà e mamma, non ha funzionato niente" | A Bergamo le prime 50 denunce dei parenti delle vittime

I fratelli Federici: "Non ci hanno ancora fatto i tamponi". Lʼiniziativa del comitato "Noi denunceremo" riunisce i familiari dei morti per Covid-19

I fratelli Pietro e Diego Federici, bergamaschi, nel giro di quattro giorni hanno perso il padre e la madre a causa del coronavirus. Ci sono anche loro tra le persone in fila davanti alla procura di Bergamo per presentare denuncia. "Non ha funzionato niente, dalla comunicazione con gli ospedali alle cure", spiegano. "Nostro papà è salito sull'ambulanza con le proprie gambe - raccontano -, nel giro di due giorni ci hanno detto: 'è migliorato', 'è peggiorato', 'è morto'".

"Con nostra madre è stata la stessa cosa. Ci hanno detto: 'Stiamo cominciando a darle la morfina'. La state accompagnando a morire? 'No, la aiutiamo a non soffrire', ci hanno risposto e in poco tempo non c'era più". "Ora siamo qui per dare loro giustizia e fare in modo che queste cose non accadano ad altri", spiegano: "Nessuno ci ha ancora fatto il tampone".

 

 

 

 

 

Il comitato "Noi denunceremo" - "Cercare la verità su quello che è accaduto in Lombardia per poter identificare i responsabili e avere giustizia". Così Luca Fusco, presidente del Comitato "Noi denunceremo - verità e giustizia per le vittime del Covid-19" ha illustrato il senso del "Denuncia Day", l'inziativa che vede decine di parenti dei morti per coronavirus riuniti davanti alla procura di Bergamo per consegnare ai magistrati le loro denunce.

 

 

 

 

"Presentiamo le prime 50 denunce che siamo riusciti a preparare. Siamo tutti volontari e abbiamo bisogno di tempo. Abbiamo ancora 150 denunce da elaborare che saranno presentate al più presto". Sono tutte denunce "contro ignoti", ha precisato il presidente del Comitato delle vittime: "Non puntiamo il dito contro nessuno, raccontiamo ciò che è successo. Poi sarà la procura, con tranquillità e serenità, a individuare ipotesi di reato. Sarà un'indagine lunga e difficile".

 

Vittime del coronavirus, comitato parenti presenta denuncia

Chiedono un incontro con il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella i parenti delle vittime da coronavirus che alla procura hanno presentato le prime 50 denunce per avere "verita' e giustizia" per i loro cari. I rappresentanti del comitato "Noi denunciamo" hanno in preparazione almeno altri 200 esposti "non contro i sanitari che hanno fatto il possibile ma contro i politici che non hanno fatto altro che raccontare bugie".

 

Fusco si è comunque detto convinto che le responsabilità di quanto accaduto riguardino soprattutto il mondo politico: "La prima è quella di non aver chiuso la Valseriana quando doveva essere chiusa, cioè il 23 febbraio, lasciando trascorrere 15 criminali giorni fino all'8 marzo, cioè quando la Regione Lombardia è diventata zona arancione. Per 15 giorni noi bergamaschi abbiamo viaggiato, lavorato, bevuto il caffè e fatto gli aperitivi. A quel punto il virus ha circolato senza problemi. Se ci fosse stata la chiusura tempestiva della zona rossa nella provincia di Bergamo, forse non avremmo dovuto chiudere tutta la Lombardia. E probabilmente avremmo evitato il lockdown italiano".

 

"Su zona rossa ci fu inerzia" "Quindici giorni di assoluta inerzia che hanno permesso al focolaio della media Valle Seriana di espandersi liberamente e in modo incontrollato, diventando un incendio di proporzioni devastanti". E' questo uno degli argomenti piu' ricorrenti nelle denunce dei parenti delle vittime di coronavirus depositate in procura a Bergamo. 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali