FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

L'Istat: il coronavirus fa raddoppiare i morti al Nord, addirittura quadruplicati a Bergamo

Nella città lombarda, nei primi 21 giorni di marzo i decessi sono passati "da una media di 91 casi nel 2015-2019 a 398 nel 2020"

Coronavirus, la chiesa di Seriate piena di bare | Il parroco: "Viene da chiedersi dov'è Dio"

La chiesa di San Giuseppe, a Seriate (Bergamo), è piena di bare di persone morte in seguito all'epidemia di coronavirus. Il parroco Don Mario: "Viene da chiedersi dov'è Dio". Le salme destinate alla cremazione vengono poi trasferite fuori regione dall'esercito, mentre saranno i carabinieri a consegnare le ceneri ai familiari.

Nei primi 21 giorni di marzo 2020 al Nord i decessi sono più che raddoppiati rispetto alla media 2015-19. Sono i dati emersi da un'analisi dell'Istat, che tiene conto di 1.084 comuni. In evidenza c'è la situazione di Bergamo, dove i decessi sono quasi quadruplicati "passando da una media di 91 casi nel 2015-2019 a 398 nel 2020". Incrementi della stessa intensità - si legge nella nota - "interessano la maggior parte dei comuni della provincia bergamasca".

Nella nota a corredo dei primi "dati anticipatori" sulla mortalità in Italia, l'Istat fa il quadro della situazione italiana, rimarcando la situazione drammatica del Nord dove a
marzo i decessi sono piu' che raddoppiati. E come Bergamo e la sua provincia, anche Brescia, Piacenza e Pesaro conquistano il triste primato per il numero di morti in 21 giorni. Si tratta comunque di dati ancora provvisori, basati solo sui dati di un numero ristretto di comuni.

 

Si tratta, in sostanza, delle città dove si sono registrati più di 10 decessi e un incremento superiore del 20% della mortalità rispetto al quadriennio precedente. L'analisi è dunque un primo quadro della situazione che sarà costantemente aggiornato, ampliando anche il campione delle amministrazioni comunali coinvolte, in modo da "rendere disponibile alla comunità scientifica, ai decisori e ai cittadini dati di dettaglio utili per la comprensione delle dinamiche in atto". L'analisi conferma inoltre "il maggiore incremento dei decessi degli uomini e delle persone maggiori di 74 anni di età".

 

Bergamo, torna l'esercito per trasportare 70 salme dal cimitero in altre Regioni 

 

Evidente nei dati è la "brusca inversione di tendenza" dell'incremento medio della mortalità in tutta Italia rispetto ai primi due mesi del 2020 quando "i decessi erano
stati inferiori al numero medio osservato nello stesso periodo nel 2015-2019". Un fenomeno, spiega l'Istat, "che può ritenersi attribuibile al ridotto impatto nei primi due mesi dell'anno dei fattori di rischio stagionali (condizioni climatiche ed epidemie influenzali). Ciò spiega come mai, se si considera il complesso dei decessi dal primo gennaio al 21 marzo 2020, in diversi comuni non si ravvisa un aumento, ma piuttosto una diminuzione del numero dei morti, rispetto al dato medio dello stesso periodo degli anni 2015-2019".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali