FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Cimici asiatiche, Coldiretti lancia lʼallarme nel Nord Italia: "A rischio il 30% dei raccolti"

Emilia Romagna, Lombardia e Piemonte le zone più colpite

Divorano mele, pere, kiwi, pomodori e peperoni. Non c'è frutto o ortaggio che disdegnano: perforano la pellicola protettiva dei prodotti per cibarsi della polpa lasciando marcire il resto. La cimice asiatica torna a spaventare gli agricoltori. Secondo un rapporto della Coldiretti le perdite nei raccolti possono arrivare fino al 30% della produzione. Preso d'assalto in particolare il Nord Italia: Emilia Romagna, Lombardia e Piemonte le regioni più colpite.

Si tratta di insetti piccoli e maleodoranti che con l'autunno tornano a riempire le case in circa di un clima caldo e asciutto. Le cosiddette cimici marmorate asiatiche sono originarie della Cina, del Giappone e Taiwan. In Italia non hanno insetti antagonisti per questo si moltiplicano liberamente diventando una piaga per le coltivazioni.

Le campagne del Nord sono attualmente le più colpite: qui le cimici stanno letteralmente decimando i raccolti. A favorirne la proliferazione un anno particolarmente caldo tanto che si può parlare di una vera e propria invasione. Gli espedienti degli agricoltori si stanno rivelando inefficaci e le perdite nella produzione si aggirano attorno al 20-25% fino a toccare punte del 30%.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali