FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Cimice asiatica: a Udine si chiede la calamità naturale

Nel Sediglianese e in tutto il Medio Friuli è in atto lʼinvasione di questi insetti "alieni". E mentre la popolazione invoca la disinfestazione aerea, i Comuni si appellano alla Regione

Calamità naturale. Sedigliano e gli altri Comuni del Medio Friuli in provincia di Udine sono in ginocchio: le cimici asiatiche hanno invaso campagne e città, spuntano ovunque, anche dalla doccia, mentre la produzione frutticola e orticola ha subito danni per il 40%. I cittadini sono esasperati: contro questo insetto cinese non esistono antagonisti naturali e anche la disinfestazione aerea con gli elicotteri poco potrà fare. Ai sindaci non resta che chiedere la calamità naturale alla Regione.

Non ha rivali: la cimice asiatica distrugge lʼagricoltura italiana

Altro che piaghe d'Egitto, altre che cavallette, che pur ci sono e in gran numero. Più devastante di Attila e della calata degli Unni ci sono solo le cimici cinesi e, dopo l'allarme di Coldiretti su tutto il Nord Italia, è dal Medio Friuli che si alza il grido d'aiuto.

Portavoce della richiesta di calamità naturale avanzata alla Regione Friuli, come riporta Il Messaggero Veneto, è il vicesindaco e assessore all’Agricoltura di Sedegliano, Maurizio Rinaldi: "Oltre ai danni ingenti, ancora non quantificati, provocati al comparto agricolo, con un’incidenza negativa di oltre il 40% sulle produzioni frutticole e orticole, ci sono i problemi creati alle abitazioni".

Nelle case, intanto, è scattata la psicosi, anche se gli insetti non sono pericolosi per l'uomo. Numerose le telefonate ai centralini dei vigili del fuoco e c'è chi chiede l'intervento degli elicotteri per la disinfestazione dall'alto, come già tentato in Emilia Romagna.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali