FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Catania,sfruttamento sul lavoro: "Ti assumo, ma mi ridai parte dello stipendio"

Il titolare chiedeva a un suo dipendente di restituire metà stipendio: "Le Iene" hanno provato a vederci chiaro

Dalla Sicilia arriva una storia di sfruttamento sul lavoro. Rosario, trentenne alla ricerca di un posto per assicurare un futuro alla famiglia e ai suoi due bimbi, pensava di aver trovato finalmente l'occasione giusta andando a lavorare nella stazione di servizio di Paolo. Buste paga, contratto regolare…insomma sembrava tutto perfetto. Invece il titolare, ogni mese gli chiedeva di restituire una parte – cospicua – dello stipendio. E così dai 1900, 1500 o 1700 euro che Rosario guadagnava gliene venivano decurtati almeno la metà: "Novecento euro da ridargli in contanti”. Rosario però non è più voluto stare al gioco del suo capo e dopo essersi licenziato ha deciso di denunciarlo. Mattia Viviani de "Le Iene" ha trovato Paolo, che non sembra avere armi per giustificarsi: "Basta, a me non interessa più parlare con voi". Il programma di Italia 1 ha dunque lanciato un appello affinché Rosario possa trovare un nuovo impiego.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali