FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Napoli, teneva segregati 43 operai in nero: arrestato un imprenditore

Tra i lavoratori, tutti italiani, figurano anche una donna incinta e due minorenni. Venivano stipati per sei ore in un locale angusto, privo di servizi igienici e finestre

112 carabinieri

Un imprenditore di Melito di Napoli è stato arrestato dai Carabinieri con l'accusa di sfruttamento del lavoro, sequestro di persona e intermediazione illecita. L'uomo, per aggirare i controlli, teneva segregati 43 operai in nero, tutti italiani, tra i quali una donna incinta e due minorenni, per ben sei ore in un locale angusto, privo di servizi igienici e finestre. La struttura si celava dietro una sorta di porta blindata.

I militari hanno sequestrato il laboratorio, dove si lavoravano pellami per note griffe di moda. All'interno si trovavano attrezzature per circa 2,5 milioni di euro: i carabinieri hanno dunque comminato sanzioni per 600mila euro. "Ho sbagliato", ha dichiarato l'imprenditore agli investigatori. L'arresto ai domiciliari è stato chiesto dalla Procura di Napoli Nord e convalidato dal gip.

 

L'ispezione, iniziata per verifiche sulla mensa che in realtà non esisteva, ha consentito di scoprire al lavoro altri 14 operai oltre ai 35 presenti, che verosimilmente l'imprenditore non aveva fatto in tempo a nascondere.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali