FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Napoli, impedito lʼingresso a una coppia omosessuale: "Solo uomini con donne"

Daniele Bausilio sfoga la propria rabbia su Facebook. Lui e il marito Giuseppe Pitirollo sono stati fermati dalla sicurezza perché non erano accompagnati da ragazze

All’ingresso di un lido a Bacoli, nell’area dei Campi Flegrei a ovest di Napoli, gli uomini della sicurezza li hanno fermati. "Non potevamo entrare", ha scritto Daniele Bausilio  su Facebook il 23 giugno, "perché non accompagnati e alla nostra ingenua domanda – accompagnati da chi? – loro hanno risposto "da donne'". Lui e Giuseppe Pitirollo sono uniti civilmente, ma non hanno avuto accesso alla serata. Appena l’attore Gianfranco Gallo ha reso noto l’episodio, le critiche sono sta immediate. "Una cosa gravissima" per la senatrice Monica Cirinnà, mentre il presidente dell’Arcigay di Napoli ha parlato di "una vera e propria apartheid".

Il post della coppia"Abbiamo risposto che la coppia eravamo noi e da un anno anche per legge", prosegue Bausilio nel post, "loro ci hanno sbattuto in faccia il fatto che per loro la coppia è formata da uomo e donna". Si è trattato insomma di un atto discriminatorio in piena regola, peggiorato dal fatto che il titolare ha provato a ribaltare la questione, affermando che l’ingresso era stato negato ai due, in quanto ubriachi, non omosessuali. Ma Bausilio e Pitirollo hanno subito smentito questa circostanza e denunciato l’accaduto ai carabinieri. Proprio le forze dell’ordine con un banale alcol test risultato negativo hanno messo a tacere ogni ulteriore accusa. "Provo una tale collera e tristezza", conclude il post, "perché dopo anni di lotta per i nostri diritti ci ritroviamo in una situazione del genere. Ci siamo sentiti umiliati, discriminati, offesi e feriti".

L'attore Gianfranco Gallo"Ho visto la denuncia e un video in cui sono presenti dei carabinieri chiamati dai ragazzi", ha scritto l’attore napoletano su Facebook. "Stando alla denuncia firmata da ben quattro persone ad un certo punto per evitare il peggio un personaggio che si qualifica come proprietario del lido, tenta un gioco ancor più sporco e cerca di diffamare la coppia dicendo che il motivo per cui gli era stato vietato l'ingresso era il fatto che i due erano ubriachi". Grazie alla popolarità dell’artista, l’episodio è stato reso noto. E’ in questo modo che ne sono venuti a conoscenza anche la senatrice Monica Cirinnà e il presidente di Arcigay Napoli Antonello Sannino. "Ora chi ha sbagliato paghi", conclude Gallo.

Insorge la CrinnàLa promotrice della legge sulle unioni civili, Monica Cirinnà, giudica la notizia "gravissima, se confermata". E ha aggiunto: "Le autorità comunali intervengano sul locale, sanzionando pesantemente la proprietà, per ripristinare il buonsenso e la legge", secondo quanto riporta Repubblica.

Il presidente di ArcigayAnche Antonello Sannino affida il proprio sfogo a Facebook: "Ancora una volta una vera e propria apartheid per le persone lgbt nonostante le leggi dello Stato e la legge sulle Unioni civili. Intervenga subito la Regione, dove da mesi in VI commissione è depositata una legge regionale contro l'omotransfobia". Commentando più nel dettaglio l’episodio, il presidente di Arcigay si stupisce che "l'intervento dei carabinieri non ha dato una immediata risoluzione alla triste e violenta vicenda", e conclude: "Siamo pronti a sostenere i due ragazzi e pronti ad organizzare un flash mob in questi giorni presso la struttura di Bacoli in questioni".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali