FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Il Vesuvio potrebbe risvegliarsi, a Pompei pronto un piano di evacuazione

In caso di emergenza gli abitanti della città alle pendici del vulcano sarebbero trasferiti in Sardegna. Mezzo milione di persone nei comuni a rischio

L'ipotesi che il Vesuvio erutti di nuovo è diventata una certezza. E l'esplosione potrebbe essere potentissima. La Protezione civile ha così messo a punto un piano di evacuazione completo in tutti i dettagli per chi vive alle pendici del vulcano più temuto d'Europa.

Mezzo milione le persone "a rischio" - Chi vive nella zona rossa, 550mila persone distribuite nei 18 comuni a rischio, sarà trasferito altrove, in destinazioni ben precise. In particolare i 25mila abitanti di Pompei saranno portati, via mare, dal porto di Salerno alle rive della Sardegna. Chi monitora minuto per minuto le attività del vulcano noto per la terribile eruzione che risale al 79 d.C. sta mettendo a punto un vero e proprio piano d'emergenza per limitare i danni di quella che potrebbe essere una vera catastrofe.

Inattivo dal 1944 - E' stato un vulcanologo della New York University a lanciare l'allarme: il Vesuvio, che sonnecchia dal 1944, potrebbe esplodere con una violenza inaudita. Fortunatamente, secondo i tenici, non si tratterà di un fenomeno improvviso, ma ci saranno segnali che potrebbero durare anche mesi. Sarà quindi possibile prepararsi al peggio. Ecco così che nel Comune di Pompei sono già scattate le prime riunioni operative. Nel frattempo però tutto tace. Tanto che in questo periodo i turisti possono visitare anche il cratere del monte.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali