FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Cagliari, porta segreta nella doccia conduce a una piantagione di marijuana: arrestato 30enne

Denunciato anche per furto di energia: la serra era alimentata con un collegamento abusivo alla rete elettrica

Come nel film “Le Cronache di Narnia”, in un box doccia di uno stabile a Cagliari si nascondeva una porta segreta. Non conduceva però nel magico mondo di C.S. Lewis, bensì in un capannone dismesso dove venivano coltivate 500 piante di marijuana in serra. Il passaggio segreto è stato scoperto dagli agenti della Questura di Cagliari, che hanno arrestato il proprietario, il 30enne Filippo Gavezzani. 

 

La perquisizione del capannone -  Dopo una serie di appostamenti e verifiche, i poliziotti avevano notato che all’interno dello stabile c’era qualcuno che coltivava droga. E’ scattata quindi la perquisizione che ha consentito di individuare, con un attento esame del placcaggio del box doccia, la porta segreta e la piantagione. Il capannone, ampio 500 metri quadri, era dotato di tutto l’occorrente per la coltivazione di marijuana: lampade alogene, pompe di calore e ventilatori. Per il 30enne sono scattate anche le denunce per furto di energia - la serra era alimentata con un collegamento abusivo alla rete elettrica - e detenzione di armi. All’interno dello stabile gli agenti hanno rinvenuto una pistola con matricola illegale e diverse cartucce.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali