FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Bici vietate in centro, sempre più città mettono al bando le due ruote

Eʼ Desenzano sul Garda lʼultimo comune che vieta il transito ai ciclisti. Linea dura da Venezia a Trieste, da Lipari a Ravenna

Bici vietate in centro, sempre più città mettono al bando le due ruote

E' una guerra a suon di ordinanze e divieti quella dei comuni italiani contro i ciclisti. Da Livigno a Venezia, da Lipari fino a Ravenna e pure a Trieste, cresce il numero delle città che vietano il transito alle biciclette nei centri storici. Adesso è la volta di Desenzano del Garda, che si aggiunge alla lista degli "insofferenti" e non consente l'accesso sulle due ruote ecologiche anche sul lungolago.

"Le bici intralciano i pedoni, vanno zigzagando nelle vie dello shopping, in barba alla buona educazione - dice qualcuno a Desenzano –.  Il loro parcheggio disordinato rovina gli scorci più pittoreschi del paese". Sarà per questo motivo, forse, che il primo cittadino della località turistica sul Garda ha bandito le due ruote dalle pregiate vie cittadine, così come il sindaco della vicina Salò che si limita, però, ai soli mesi estivi.

Ma sono molti altri i comuni che vietano l'accesso ai ciclisti nelle aree della zona a traffico limitato. Tra questi Rovereto, Ravenna e Legnano. "Bisogna tutelare l'incolumità dei pedoni", dice il sindaco della provincia di Milano.

Venezia, da sempre di vocazione acquatica e pedonale, concede l'uso dei pedali solo ai bambini e in orari stabiliti. Il futuro delle bici in città sembra insomma quello di essere legate a un palo. E forse neppure quello. visto che ci sono molte amministrazioni che vietano e multano anche il "parcheggio".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali