FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Beatrice, la piccola guerriera di Bergamo ha sconfitto il virus

Nata lʼ11 febbraio, la bambina è risultata positiva al test e ricoverata in ospedale. Per mamma e papà è cominciato un incubo che si è concluso felicemente con lʼultimo tampone, finalmente negativo

Nata l'11 febbraio a BergamoBeatrice era subito risultata positiva al test del coronavirus. E per papà e mamma era cominciato l'incubo. "Avevamo paura che morisse - racconta la mamma, Marta -. Ci dicevano che stava bene. Ma allora perché non potevo vederla e portarla a casa?" Ora finalmente la paura è finita: il tampone ha dato esito negativo. E la bimba è finalmente tornata a casa con i genitori.

 

Marco, il papà, l'ha chiamata da subito la "piccola guerriera di Bergamo", ma anche lui ha passato queste settimane di attesa nel terrore. "Temevamo che non ce la facesse", confessa. Dal momento in cui dalle braccia della sua mamma, subito dopo il parto, hanno portato Beatrice nel lettino d'ospedale, per i genitori è cominciato l'inferno dell'attesa. Che adesso è finita una volta per tutte. "Quando ho visto l'esito del terzo tampone - dice Marta - ho pensato che finalmente la nostra sofferenza era terminata e che stavamo per uscire dal tunnel". Con la loro piccola fuori dalla camera d'ospedale, sulla strada di ritorno verso la casa di mamma e papà. 

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali