FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Bari, lo sfogo di un casellante: "Flusso immenso di turisti dal Nord, nessun controllo"

"Ma è possibile tutto questo? La legge non dovrebbe essere uguale per tutti? Non si possono rafforzare i controlli?", scrive in una mail inviata al sindaco Decaro

casello autostradale, autostrade
ansa

"Un flusso immenso di gente che scende dal Nord e dall'estero" per venire a fare in Puglia le vacanze di Pasqua, "ma è possibile che non ci sia nessuno a controllarli?". E' lo sfogo di un casellante barese, che ha inviato una mail ad Antonio Decaro, sindaco di Bari e presidente Anci, per denunciare la situazione. Il riferimento è al divieto, violato, di spostamento tra regioni imposto dall'emergenza Covid.

Lo sfogo - "Sono un dipendente di autostrade - scrive il cittadino nella mail - lavoro nei caselli da Bari sud a Trani. Martedì mi sono permesso di chiedere a una coppia che arrivava da Milano cosa fosse venuta a fare e mi ha risposto: 'Le vacanze di Pasqua'. Ho chiesto ai due se avessero l'autorizzazione e mi hanno risposto ridendo: 'Ma quale autorizzazione, tanto non ci controlla nessuno, abbiamo anche prenotato un B&B'".

 

"Ora mi domando - conclude, rivolgendosi al sindaco -: ma è possibile tutto questo? La legge non dovrebbe essere uguale per tutti? Non si possono rafforzare i controlli in uscita dall'autostrada?".

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali