FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Uno Bianca, a Natale permesso premio per Alberto Savi | I famigliari delle vittime: abbiamo paura di incontrarlo

Qualche giorno in famiglia per il più giovane dei fratelli Savi, condannato allʼergastolo. I famigliari delle vittime: non riusciremo mai a perdonare, non sono pentiti

Alberto Savi, il più giovane dei tre fratelli della banda della Uno Bianca (gli altri sono Roberto e Fabio), che tra il 1987 e l'autunno del 1994 fece 24 morti e oltre cento feriti, durante le vacanze natalizie ha usufruito di un permesso premio, potendo trascorrere qualche giorno a casa con i familiari. 

Il killer, un ex poliziotto che sta scontando l'ergastolo, è già rientrato nel carcere di Padova dopo il permesso, come ha confermato la sua legale, Anna Maria Marin.

Non è la prima volta che Alberto Savi usufruisce di un beneficio. Era già successo nell'aprile del 2018 quando aveva ottenuto tre giorni e mezzo di permesso per le feste, con la possibilità di uscire a pranzo il giorno di Pasqua. E ancor prima nel 2017, quando gli furono concesse dodici ore da trascorrere in una comunità protetta. "Sta continuando in maniera regolare i permessi premio - ha spiegato l'avvocato Marin - e il suo comportamento viene valutato costantemente. In carcere prosegue a lavorare con una cooperativa".

 

I parenti delle vittime si dichiarano totalmente contrari al provvedimento. Per loro parla Rosanna Zecchi, presidentessa dell'associazione dei famigliari delle vittime: "La nostra è una battaglia contro i mulini a vento, più diciamo che non riusciremo mai a perdonare i killer della Uno Bianca e più li fanno uscire. Sono convinta che non sono pentiti. Alcuni feriti ancora mi chiamano per dirmi che hanno paura di poterli incontrare in strada. La nostra non è una battaglia personale, ma in difesa della società civile".


"Capisco che chi ha rubato un pezzo di pane possa usufruire di permessi per uscire o di altri benefici in carcere - ha aggiunto Zecchi - ma per gli assassini non dovrebbe essere così, questo non è possibile. Già è uscito Marino Occhipinti, che è definitivamente libero, ora prima o poi lo faranno tutti. Ma la giustizia dov'è?". 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali