ERA LATITANTE DA ANNI

Arrestato a Malpensa il foreign fighter Alessandro Bertolini: "Ha combattuto con i filorussi nel Donbass"

Il 29enne è indagato dalla Dia di Genova per "aver partecipato ad azioni dirette a mutare l'ordine costituzionale dell'Ucraina dietro compenso economico"

01 Lug 2023 - 21:35

Il foreign fighter Alessandro Bertolini è stato arrestato dai carabinieri del Ros appena atterrato all'aeroporto di Milano Malpensa. Il 29enne, originario di Rovereto (Trento), è indagato dalla Direzione distrettuale antimafia e antiterrorismo di Genova con l'accusa di aver combattuto, dal 2016 a oggi, a fianco delle milizie filorusse del Donbass dietro compenso economico. Trasferito a Genova, Bertolini è stato interrogato ma si è avvalso della facoltà di non rispondere.

Le accuse - Bertolini era latitante insieme ad altri italiani filorussi impegnati a combattere in Donbass. Secondo le accuse, il giovane trentino avrebbe partecipato "ad azioni, preordinate e violente, dirette a mutare l'ordine costituzionale o a violare l'integrità territoriale del governo ucraino, Stato estero di cui non era cittadino né stabilmente residente, senza far parte delle forze armate di alcuna delle parti in conflitto".

L'inchiesta aveva portato all'individuazione e all'arresto di altri foreign fighter, ma Bertolini era rimasto in territorio ucraino insieme ad Andrea Palmeri, ritenuto capo ultras dei Bulldog della Lucchese, condannato in primo e secondo grado anche se ancora all'estero. Quest'ultimo, secondo le accuse, sarebbe uno dei riferimenti per il reclutamento di mercenari. A essere rimasti in Donbass sono anche Gabriele Carugati di Varese, ex addetto alla sicurezza in un centro commerciale lombardo, e Massimiliano Cavalleri: entrambi risultano al momento irreperibili.

Fotogallery - Ucraina, esercitazioni in vista di un possibile attacco alla centrale nucleare di Zaporizhzhia

1 di 9
© Ansa © Ansa © Ansa © Ansa

© Ansa

© Ansa

Le origini dell'inchiesta - L'indagine del pool antiterrorismo di Genova era partita nell'ottobre 2013 dal mondo ultras di estrema destra, in seguito al ritrovamento a La Spezia di alcune scritte inneggianti al comandante delle Ss naziste Erick Priebke, condannato all'ergastolo per la strage delle Fosse Ardeatine. Gli inquirenti avevano notato frequenti visite in città da parte di Palmieri. Con le intercettazioni è venuta a galla la questione dell'addestramento di mercenari per il Donbass. Nel 2019, grazie a un'indagine sugli skinheads liguri, sono state condannate tre persone reclutate per il conflitto russo-ucraino: quella era stata la prima sentenza in Italia in materia di mercenari.

Ti potrebbe interessare

Commenti (0)

Disclaimer
Inizia la discussione
0/300 caratteri