FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Siccità, Cirio: "Il Po ha una portata del 72% inferiore alla norma, razionata l'acqua in 170 comuni"

Coldiretti: l'agricoltura paga un conto salato, 2 miliardi di danni

Siccità, il Po ai livelli minimi dal 1972: oltre i 100 millimetri il deficit di piogge

Il fiume Po ha raggiunto i livelli più bassi nel periodo dal 1972: il deficit di pioggia sull'intero distretto del fiume nell'ultimo mese ha superato i 100 millimetri, pari al 92%, e tutte le stazioni di registrazione sono al di sotto della soglia di emergenza. L siccità è al momento più accentuata nella parte occidentale del corso d'acqua, ma si sta espandendo verso il Delta. Rispetto a una settimana fa il livello dell'acqua è calato del 5% e le previsioni a medio termine non annunciano piogge omogenee almeno fino a metà aprile. 

Leggi Tutto Leggi Meno

Il Piemonte "registra una crisi idrica peggiore di quella del 2003, con il secondo maggio più caldo dal 2009 a oggi e il Po ha una portata d'acqua del' 2% inferiore a quello che dovrebbe essere il dato di portata naturale".

A dirlo è il presidente della Regione, Alberto Cirio, spiegando che in Piemonte è già stata razionata l'acqua in 170 Comuni. La siccità, però, è una calamità ovunque: dalla

Lombardia

alla

Sicilia

, passando per Piemonte, Veneto, Emilia-Romagna, Abruzzo, Puglia e Calabria, i danni stimati per l'agricoltura italiana sono di circa 2 miliardi di euro per effetto del calo dei raccolti, secondo la stima di

Coldiretti.

 


Cirio (Piemonte): in 170 comuni acqua solo per uso alimentare -

"Al momento in Piemonte sono 170 i comuni con ordinanze adottate o in corso di adozione sull'uso consapevole dell'acqua potabile, cioè finalizzato agli scopi alimentari, e di limitazione o divieto di usi impropri e 10, concentrati nel Novarese, quelli che hanno dovuto ricorrere all'interruzione notturna della fornitura". A tracciare il quadro della situazione siccità il presidente della Regione, Alberto Cirio sottolineando che "al momento la situazione è sotto controllo per quanto riguarda gli usi civili dell'acqua potabile, ma abbiamo uno stato di emergenza molto grave per l'agricoltura". 


 


"Abbiamo chiesto lo stato di calamita naturale - spiega Cirio - che ci serve per poter agire in tutela degli agricoltori nel caso di danni, che già ci sono, ma non ci accontentiamo: abbiamo il dovere di evitare i danni e abbiamo quindi chiesto anche lo stato di emergenza e attivato alcune strade per migliorare la situazione". La prima "è lo svasamento dei bacini idroelettrici per il rilascio delle acque: se trovassimo l'accordo con i  concessionari potremmo avere 15-20 giorni di respiro e salvare l'agricoltura. L'altra azione è la deroga al minimo deflusso vitale dei fiumi, che consente di prelevare un po' più di acqua di quella prevista. È comunque una possibilità ridotta, perché i fiumi sono già in sofferenza. Inoltre con Lombardia e Canton Ticino ragioniamo sull'acqua dei laghi". 


 


Ecco la situazione nelle Regioni più colpite.


 


LOMBARDIA -

In Lombardia la siccità sta già compromettendo parte delle coltivazioni in campo. Le prime stime su orzo e frumento, da confermare a raccolta avvenuta, indicano cali delle rese fino al 30%. Osservati speciali anche il mais e riso che hanno bisogno di acqua per crescere.


 


PIEMONTE -

Viene stimata una riduzione del 30% delle foraggere con un danno conseguente per le aziende zootecniche. Sui cereali a semina autunnale c'è un calo di produzione del 30%. Gravi danni anche alla viticoltura con la produzione di acini sotto la media e molto radi.


 



 


 


LIGURIA -

Danni al foraggio destinato a capre, pecore e mucche, ma colpiti sono anche gli uliveti e il basilico per il classico pesto alla genovese SICILIA: la Piana di Catania paga un sistema irriguo fatiscente ma persino chi ha sistemi di irrigazione moderni ha difficoltà a bagnare gli agrumi. A secco anche fichi dindia, seminativi, ortaggi.


 


PUGLIA -

Il conto per la siccità, secondo la Coldiretti, è pari ad oltre 70 milioni di euro l'anno. A preoccupare è la riduzione delle rese di produzione di coltivazioni in campo come grano e altri cereali, ma anche di foraggi per l'alimentazione degli animali, di ortaggi e frutta. Si stima, inoltre, un calo sensibile della produzione di olive del 40%.


 


TOSCANA -

Nelle campagne è sempre più concreto il rischio di una riduzione importante delle rese delle produzioni in campo come girasole, mais, grano e degli altri cereali ma anche di olivi, ortaggi e della frutta.


 


SARDEGNA -

Il caldo torrido scatena milioni di cavallette che stanno devastando 30mila ettari di coltivazioni, divorando i raccolti delle campagne. A questi ritmi si rischia la distruzione di cinquantamila ettari entro poche settimane.


 


Emergenza laghi -

La siccità colpisce anche i laghi. "Per i laghi del Centro la situazione non è facile e altrettanto vale per i fiumi - spiega a Il Messaggero Ramona Magno, responsabile dell'Osservatorio siccità del Centro nazionale delle ricerche. - Quando i loro livelli si abbassano si alzano le concentrazioni degli inquinanti che non riescono ad essere diluiti e, di conseguenza, causano problemi alla flora e alla fauna".


TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali