FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Alessia Pifferi picchiata in carcere: "Schiaffeggiata e presa per i capelli"

L'episodio è stato riportato dall'avvocato della donna: "E' stata aggredita dalle altre detenute nell'unico momento fuori dalla cella"

milano bimba morta di fame e sete Alessia Pifferi
IPA

Ad aggredire Alessia Pifferi, la donna che ha lasciato morire di stenti sua figlia Diana, di un anno e mezzo, sarebbe stato un gruppo di detenute presenti nel carcere di San Vittore a Milano.

Le donne avrebbero approfittato dell'unico momento in cui la donna non era in isolamento. La 36enne, infatti, stava raggiungendo una suora che le offre assistenza sin dai primi giorni in cella. A riportare l'aggressione è stato il suo avvocato: "Presa per i capelli e schiaffeggiata".

Dopo l'aggressione Alessia Pifferi vivrebbe "nella paura che qualcuno possa fargliela pagare dietro le sbarre" fa sapere il suo avvocato.

 

Per la donna accusata di omicidio, al momento, non è consentito l'ingresso in carcere di un consulente di difesa. Il giudice per le indagini preliminari ha negato la possibilità di consulenza neuroscientifica in quanto "si è sempre dimostrata consapevole di quello che stava succedendo alla figlia".


Ma i legali della difesa della madre della piccola Diana, respingono questa versione: "Noi non abbiamo chiesto una perizia per verificare se Alessia sia capace d'intendere e di volere. Dubitiamo invece della sua capacità di comprendere, di elaborare il pensiero. Per questo servono i consulenti neuroscientifici". 

 

 

TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali