Il ferito è piantonato in ospedale

Agguato a Pescara, le indagini puntano su un terzo telefonino trovato a terra e sfuggito al killer

Prosegue il lavoro degli investigatori sull'omicidio dell'architetto Walter Albi, mentre il ferito Luca Cavallito migliora ed è piantonato in ospedale con la vigilanza armata

04 Ago 2022 - 12:18

Sono in lieve miglioramento le condizioni di Luca Cavallito, 49enne di Montesilvano (Pescara), colpito da almeno 6 colpi di pistola nell'agguato di lunedì 1° agosto, in un bar di Pescara. L'ex calciatore, operato più volte, è ricoverato nel reparto di rianimazione del Santo Spirito di Pescara. Per lui è stato disposto un rafforzamento delle misure tutorie già in atto, con la vigilanza fissa armata. Nell'agguato di cui è stato vittima è stato ucciso l'amico 66enne, Walter Albi, architetto residente a Francavilla al Mare (Chieti). E mentre continua la caccia al killer, gli investigatori puntano su un terzo telefonino trovato sulla scena del crimine. Era a terra e forse è sfuggito al sicario che ha portato via dal tavolo quelli di Albi e Cavallito, oltre a un mazzo di chiavi.

Come riferisce Il Centro, il telefonino in questione era a terra, vicino ai corpi di Albi e Cavallito. I due, secondo quanto ricostruito dagli inquirenti che hanno ascoltato e riascoltato parenti e amici, si conoscevano da anni per via di una amicizia fra i rispettivi padri e volevano realizzare nella zona del porto turistico di Pescara un albergo con casette sul mare.

Si segue la pista dell'esecuzione di stampo mafioso.

Intanto, a decidere di rafforzare il cordone di sicurezza attorno a Cavallito, ex calciatore di Viareggio, da tempo residente in Abruzzo, i vertici delle forze dell'ordine nella riunione tecnica convocata dal prefetto di Pescara Giancarlo Di Vincenzo.

Pescara, l'omicidio di Walter Albi ripreso dalle telecamere

1 di 5
© Ansa © Ansa © Ansa © Ansa

© Ansa

© Ansa

La misura è già operativa e si sarebbe resa necessaria, sempre stando a Il Centro, dopo che, martedì sera, un uomo dall'accento napoletano e con tatuaggi sul corpo si è presentato in ospedale per chiedere informazioni sulle condizioni di salute del 49enne: voleva sapere se fosse ancora vivo.

Ti potrebbe interessare

Commenti (0)

Disclaimer
Inizia la discussione
0/300 caratteri