FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Agguato a Pescara, le indagini puntano su un terzo telefonino trovato a terra e sfuggito al killer

Prosegue il lavoro degli investigatori sull'omicidio dell'architetto Walter Albi, mentre il ferito Luca Cavallito migliora ed è piantonato in ospedale con la vigilanza armata

Sono in lieve miglioramento le condizioni di Luca Cavallito, 49enne di Montesilvano (Pescara), colpito da almeno 6 colpi di pistola nell'agguato di lunedì 1° agosto, in un bar di Pescara.

L'ex calciatore, operato più volte, è ricoverato nel reparto di rianimazione del Santo Spirito di Pescara. Per lui è stato disposto un rafforzamento delle misure tutorie già in atto, con la vigilanza fissa armata. Nell'agguato di cui è stato vittima è stato ucciso l'amico 66enne, Walter Albi, architetto residente a Francavilla al Mare (Chieti). E mentre continua la caccia al killer, gli investigatori puntano su un terzo telefonino trovato sulla scena del crimine. Era a terra e forse è sfuggito al sicario che ha portato via dal tavolo quelli di Albi e Cavallito, oltre a un mazzo di chiavi.


Come riferisce Il Centro, il telefonino in questione era a terra, vicino ai corpi di Albi e Cavallito. I due, secondo quanto ricostruito dagli inquirenti che hanno ascoltato e riascoltato parenti e amici, si conoscevano da anni per via di una amicizia fra i rispettivi padri e volevano realizzare nella zona del porto turistico di Pescara un albergo con casette sul mare.


 


Si segue la pista dell'esecuzione di stampo mafioso.



Intanto, a decidere di rafforzare il cordone di sicurezza attorno a Cavallito, ex calciatore di Viareggio, da tempo residente in Abruzzo, i vertici delle forze dell'ordine nella riunione tecnica convocata dal prefetto di Pescara Giancarlo Di Vincenzo.


 


La misura è già operativa e si sarebbe resa necessaria, sempre stando a Il Centro, dopo che, martedì sera, un uomo dall'accento napoletano e con tatuaggi sul corpo si è presentato in ospedale per chiedere informazioni sulle condizioni di salute del 49enne: voleva sapere se fosse ancora vivo.


TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali