FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

"Vogliamo che l'Ilva chiuda, i bambini muoiono": la denuncia in un disegno di Federica, una bimba che vive a Taranto

Ha soli sette anni ma la percezione che ha del suo quartiere, il Tamburi, quello più vicino allʼacciaieria è chiarissima nel suo ritratto. Ciminiere e un cielo nero sulle case: "Servono parchi e boschi"

cronaca, ilva, disegni, bimba, taranto

Su un foglio si vedono due ciminiere, alcune case sullo sfondo e in mezzo un cielo nero. E' il ritratto che Federica, bimba di sette anni, fa del rione Tamburi, nel quale abita: è il quartiere di Taranto più vicino allo stabilimento dell'ex Ilva e quindi il più esposto alle emissioni che arrivano dall'acciaieria. "Vogliamo che l'Ilva chiuda", è il titolo del disegno, accompagnato da riflessioni durissime sulla sua città: "Ecco perché i bambini sono in ospedale, sono malati e muoiono".

"Io penso che Taranto è troppo inquinata - scrive ancora Federica -  che deve migliorare. Noi non vogliamo che ci tolgono la scuola Deledda-De Carolis. Vergognatevi per tutto quello che ha fatto l’Ilva, gli altri bambini stanno in ospedale per colpa dell’Ilva brutta. Ecco perché dovete vergognarvi tanto".
Riflessioni che scuotono: "Vogliamo parchi giochi, boschi. Brutti, ci inquinate tanto. Vogliamo spazi verdi, ecco cosa penso di Taranto".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali