FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Vittorio Di Battista a ʼLe Ieneʼ: "Il fascismo mi è sempre piaciuto"

Il padre del leader pentastellato pizzicato per aver pagato dei lavoratori in nero

Fanno molto discutere le dichiarazioni di Vittorio Di Battista, padre dell'ex deputato pentastellato Alessandro, che a "Le Iene" ha ammesso di aver pagato dei lavoratori in nero nell'azienda di famiglia. Ad anticipare la notizia era stato lo stesso Alessandro attraverso un video pubblicato su Facebook: "Questa mattina mi ha chiamato mio papà e mi ha detto che era stato avvicinato da Filippo Roma delle Iene" aveva spiegato sui social.

Ma ad aver suscitato qualche commento sono state anche le sue affermazioni di Vittorio sul fascismo. Tutto è partito da un post in cui Di Battista senior scriveva: “Il nero è il mio colore preferito”. Interrogato sul significato della frase dall’inviato delle Iene ha prima cercato di addurre delle scuse: “I jazzisti migliori erano neri e 'Faccetta nera' era una canzone assolutamente anti-razzista”. Pungolato da Roma aggiunge: “Il fascismo mi è sempre piaciuto, come la sua etica in fatto di sviluppo delle opere pubbliche. Ma mi sono sempre discostato dagli aspetti dittatoriali”. Poi, sui lavoratori in nero aggiunge: “Purtroppo molti imprenditori sono costretti a tenere dipendenti non regolari”.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali