FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Viaggi, matrimoni, concerti, prenotazioni: tutti i soldi persi dagli italiani per Covid-19
 

Il 50,8% di chi aveva prenotato sale per festeggiare compleanni poi annullati non ha avuto alcun rimborso e una famiglia su 4 ha non ha recuperato nulla di quanto pagato per i biglietti viaggio già acquistati

L’emergenza Coronavirus e la quarantena forzata hanno costretto più di 9,6 milioni di famiglie italiane a cancellare o rimandare impegni ufficiali che avevano in programma in questi mesi e per i quali avevano già sostenuto delle spese. E' questa la prima delle evidenze emerse dall’indagine di Facile.it. La maggior parte non ha ottenuto rimborsi. 

Cerimonie e feste. Quelli primaverili sono, per tradizione, i mesi in cui hanno luogo molti matrimoni, comunioni, cresime o compleanni. Dall’indagine di Facile.it è emerso che più di 5,1 milioni di famiglie (pari al 27,6% dei nuclei familiari italiani) hanno dovuto annullare i festeggiamenti per via del Covid 19, anche se avevano già sostenuto, in parte o in toto, i costi legati alla ricorrenza. La percentuale sale al 32,8% nel Sud e nelle Isole, e arriva addirittura al 35,7% fra le famiglie con 4 o più componenti.

 

Oltre 1,1 milioni di famiglie erano coinvolte in matrimoni che gli sposi sono stati costretti a cancellare ma, oltre al danno, hanno subito anche la beffa visto che il 29,1% di loro non ha ottenuto alcuna restituzione. Un caso particolare evidenziato dall’indagine è quello legato alle feste di compleanno, di adulti o bambini, previste in sale prese in affitto. Il 13,7% delle famiglie italiane è stato costretto ad annullarle, e più della metà (50,8%) non è riuscita ad ottenere un rimborso, percentuale che raggiunge il 53,8% nel Centro Italia.

 

È andata meglio al 13,4% che ha ottenuto un rimborso completo. Il 22,9% ha avuto la possibilità di riutilizzare, sia pure in un’altra data, quanto già pagato.

 

Viaggi e vacanze.  Sono molte, il 34,8%, anche le famiglie italiane costrette ad annullare una vacanza che, in tutto o in parte, avevano già pagato.

 

Dall’hotel al B&B, dalla casa in affitto ai biglietti di viaggio e ai pacchetti vacanza, sono diverse le disdette cui si è stati costretti. Analizzando nel dettaglio queste componenti, l’indagine ha messo in evidenza come il 20,8% dei nuclei familiari non abbia potuto usufruire del biglietto aereo, navale o ferroviario.

 

Come forma di rimborso, nel 35% dei casi è stato dato un voucher da poter riutilizzare in un’altra data. In oltre 1 famiglia su 4 (25,5%), tuttavia, non si è ottenuto alcun rimborso. Il 13,7% è stato necessario annullare prenotazioni fatte in hotel e B&B. In questo caso, il 35,5% dei nuclei familiari interessati ha ottenuto dalla struttura ricettiva un rimborso completo, mentre al 32,6% è stata data la possibilità di cambiare la data di check-in per una futura.

 

Eventi e manifestazioni. Tra i numerosi impegni che gli italiani hanno dovuto annullare, ci sono anche la partecipazione ad eventi, manifestazioni, congressi, concerti, fiere e spettacoli: il 25,2% delle famiglie italiane ha dovuto annullare o rimandare queste attività a causa della pandemia. Nello specifico, il 12,3% non ha potuto assistere a concerti o spettacoli teatrali,

 

Nel 49,2% dei casi è stata data la possibilità di riutilizzare quanto già acquistato in un’altra data, mentre nel 33,6% dei casi non si è ottenuto alcun rimborso. Il 7,8% delle famiglie ha dovuto poi disdire la propria partecipazione ad eventi sportivi, valore che raggiunge il 10,5% nei nuclei con 4 o più componenti e sale fino al 10,8% nelle famiglie in cui sono presenti figli minorenni.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali