FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Venezia, stop ai castelli di sabbia: vietati sul bagnasciuga per motivi di sicurezza

Lʼordinanza del comune di Cavallino sta scatenando molte polemiche. Il sindaco Roberta Nesto: "Sono norme nazionali"

Venezia, stop ai castelli di sabbia: vietati sul bagnasciuga per motivi di sicurezza

Secchielli e palette abbandonati sulla spiaggia e bambini fermi sotto gli ombrelloni. Sono le conseguenze provocate dall'ordinanza del Comune di Cavallino-Treporti, in provincia di Venezia, che ha vietato i castelli di sabbia e le buche sul bagnasciuga per ragioni di sicurezza. Le costruzioni dei bambini possono ostacolare l'azione di soccorso in mare, spiegano dall'amministrazione. Ma i bagnanti non ci stanno: "Meglio cambiare località balneare".

I turisti hanno protestato contro l'ordinanza inviando lettere ai quotidiani locali. "Ho provato a spiegare ai miei nipoti che non possono praticare queste attività - si sfoga un nonno - ma loro mi hanno risposto: se non facciamo castelli o buchette, cosa possiamo fare?" 
 
Il sindaco di Cavallino, Roberta Nesto, intervistata dalla Tribuna di Treviso, risponde alla critiche: "Ci fa piacere che i bambini giochino a fare castelli di sabbia. L'ordinanza sulla balneazione recepisce norme nazionali e regionali ma deve essere applicata con buonsenso".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali