FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Obbligo vaccini, Zaia: Veneto impugnerà il decreto davanti alla Consulta

"La posizione della Regione non è mettere in discussione il vaccino ma alcuni aspetti del decreto", ha precisato il governatore

La giunta regionale del Veneto ha deciso di impugnare davanti alla Corte Costituzionale il decreto del governo sull'obbligatorietà dei vaccini. Lo ha reso noto il governatore Luca Zaia che ha spiegato le motivazioni in un video pubblicato sulla propria pagina Facebook. "Il Veneto ha dimostrato, con una performance del 92,6%, che non è l'obbligo a risolvere il problema, quanto il dialogo con le mamme e le famiglie", ha sottolineato.

"Questo decreto - ha aggiunto Zaia - va addirittura oltre l'obbligatorietà, con misure coercitive. Noi siamo davanti a un decreto che oggi è legge e ha efficacia giuridica e l'avrà ancora di più dopo la conversione. La posizione della Regione non è mettere in discussione il vaccino ma mettere in discussione alcuni aspetti del decreto".

"Abbiamo dato mandato all'avvocatura di impugnare davanti alla Corte Costituzionale. Non lo facciamo perché siamo contro ai vaccini - ha tenuto a precisare - non incontro mamme che mi dicono no senza se e senza ma, ma mamme che sono preoccupate dal numero dei vaccini e dall'impossibilità di scegliere un programma vaccinale".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali