FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Foto in bikini su Facebook durante la semilibertà, Doina Matei torna al carcere della Giudecca

La donna che uccise Vanessa Russo era tornata in semilibertà. Lʼavvocato: "Tra i divieti non cʼera lʼuso del social network, ne riparleremo in Tribunale. Lo scatto? Un peccato di vanità"

Galeotto fu il bikini: proprio la foto in costume postata su Facebook ha infatti riportato in cella Doina Matei, la romena che il 25 aprile 2007 ha ucciso, colpendola con la punta dell'ombrello in un occhio, Vanessa Russo nella metropolitana di Roma. La Matei era in semilibertà, ma quelle immagini postate sul social network hanno spinto il giudice di sorveglianza di Venezia a revocare il provvedimento. E la donna è tornata al carcere della Giudecca.

Foto in bikini su Facebook per la killer dellʼombrello

In questi giorni stava scontando un permesso speciale, per buona condotta e per il suo pentimento, che le consentiva di dormire all'esterno nonostante la condanna a 16 anni per omicidio preterintenzionale.

"Questo è un brutto passo indietro per la mia assistita - ha commentato l'avvocato Nino Marazzita -. Forse dovuto all'effetto del polverone mediatico che si è sollevato sul caso dopo la pubblicazione di quelle foto. Ma la sospensione durerà giusto il tempo di discuterla davanti al tribunale di Venezia dove dimostreremo che fra i divieti non c'era quello specifico dell'uso del social network".

"Doina - ha spiegato Marazzita - aveva ottenuto la semilibertà nove mesi fa: io avevo puntato sulla sua condotta in carcere, sul fatto che avesse avuto un vissuto alle spalle molto particolare e sul percorso di recupero che in cella aveva avviato. Conto che la questione possa ridimensionarsi nei prossimi giorni". 

In merito alla decisione di pubblicare delle foto sul social network, Marazzita afferma che "Matei è stata vittima di una bomba mediatica" ma che "forse si è lasciata trascinare dalla vanità. Va capita: è ancora una ragazza e non dimentichiamo che viene da un retroterra familiare terribile".

Dopo il pentimento e i tentativi di chiedere scusa ai familiari di Vanessa Russo, Doina perde, al momento, quella speranza di tornare in libertà e di poter rivedere i figli. Nel suo libro aveva scritto: "Vanessa non aveva vissuto molti giorni felici, tutti gli altri glieli avevo tolti io. È soprattutto la felicità possibile che le ho sottratto che mi logora con tormento maggiore". La Matei era venuta in Italia per cercare un futuro migliore per i suoi due figli, avuti a 14 e a 17 anni. Ma iniziò a prostituirsi e "fu per me il buio delle notti, il gelo del marciapiede fino a sfiancarmi la carne e l'anima".

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali