FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Coronavirus, il figlio dell'imprenditore che ha causato il nuovo focolaio in Veneto: "Mio padre ha sbagliato"

Rientrato dalla Serbia con i sintomi del virus, ha continuato con la solita vita, partecipando a cene e a un funerale. Zaia lʼha denunciato

E' un imprenditore 64enne di Sossano il vicentino, denunciato dal governatore Zaia, responsabile del nuovo focolaio di coronavirus in Veneto. E dopo i provvedimenti della Regione e il ricovero dell'uomo in Terapia intensiva, il figlio racconta che non riesce a capire come il padre possa essersi comportato così incautamente: tornato dalla Serbia con la febbre, ha continuato la stessa vita di sempre tra lavoro, cene, incontri, addirittura un funerale.

"Davvero non so come mio padre possa essersi comportato in questo modo - commenta il figlio parlando con la Repubblica -. Proprio lui che aveva adeguato tutte le sue aziende contro il rischio Covid...". Un uomo sicuro di sé, che è partito da un capannone e ha costruito un impero, con 400 dipendenti tra Italia ed estero. Che però si è lasciato ingannare da un falso senso di sicurezza, rifiutando poi di accettare la realtà diffondendo invece il contagio.

 

L'uomo, ricostruisce il quotidiano, a fine giugno ha organizzato, assieme a tre dipendenti, una trasferta nello stabilimento serbo, dove i quattro hanno incontrato un 70enne positivo al coronavirus (e morto sabato). Quindi una tappa a Medjugorje. E poi il rientro in Italia, il 25 giugno. Ma nonostante i sintomi (dolori e febbre), l'imprenditore non ha voluto fermarsi: ha partecipato a un funerale a Orgiano, quindi a una cena con un centinaio di persone a Gambellara (alla presenza anche di un noto conduttore radiofonico, che ora si è sottoposto al tampone risultando negativo).

 

Solo domenica scorsa l' imprenditore si è fatto convincere a farsi visitare in pronto soccorso a Noventa Vicentina, da dove è subito stato trasferito a Vicenza perché trovato positivo al coronavirus. Ma ancora una volta ha rifiutato il ricovero ed è tornato a casa. Dove è rimasto assieme a tre collaboratori e al maggiordomo filippino, per continuare a lavorare. E solo dopo l'intervento del sindaco ha accettato di farsi ricoverare.

 

"Mio padre - spiega il figlio a Repubblica - ha sottovalutato la situazione. Pensava che il virus si fosse presentato in forma lieve, credeva di potersela cavare da solo". Invece è stato la causa di un nuovo focolaio, e lui stesso è ora intubato.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali