FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Valentina Petrillo, la prima atleta transgender a gareggiare tra le donne: "Mi accusano di non essere un buon padre"

A "Zona Bianca" la storia della velocista che sta partecipando agli Europei di Atletica paralimpica

 

Valentina Petrillo è la prima atleta transgender a gareggiare tra le donne. A "Zona Bianca" ha raccontato come sia riuscita a conquistare la possibilità di partecipare agli Europei paralimpici d'Atletica in Polonia: "Preferisco essere una donna più lenta, ma felice, che un uomo più veloce ma triste - ha spiegato - io amo correre e lo potrò fare nella categoria che sento più mia, quella femminile".

 

 

Petrillo, che è ipovedente, ora punta anche alle Paralimpiadi di Tokyo. La svolta per lei è arrivata nel 2015 quando il Comitato Olimpico Internazionale ha stabilito che abbassando i livelli di testosterone un uomo può partecipare a una competizione femminile: "Ne ho risentito tantissimo - ha ammesso - prima avevo bisogno di meno tempo di recupero, la mia prestazione sui 400 metri è quasi undici secondi più lenta rispetto a prima". E a chi sostiene che con il Ddl Zan possano nascere ingiustizie in campo sportivo risponde: "Non è assolutamente vero che un uomo possa svegliarsi la mattina e gareggiare con le anni".

 

Negli ultimi anni, Valentina, è stata vittima di discriminazioni: "Mi accusano di non essere un buon padre perché ora sono una donna - racconta - ma il Ddl Zan non è una legge bavaglio, una società più libera è una società più felice".

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali