FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Boccia: "L'immunità di gregge slitta di qualche mese" | Vaccini in ritardo: "Piano da rimodulare"

Il ministro: "Non dipende da noi ma dalle aziende che forniscono i vaccini"

Dopo i ritardi delle consegne delle dosi anti-Covid, il ministro degli Affari regionale Francesco Boccia avverte: "E' evidente che, se i vaccini non ci sono, slitta di qualche settimana o mese l'immunità di gregge. Non dipende da noi ma dalle aziende che forniscono i vaccini". Boccia ha garantito i richiami spiegando che il piano va rimodulato "in base ai numeri ridotti". E ha chiarito: "Pretendiamo che quei numeri siano ripristinati". 

"Lombardia ha rettificato i suoi numeri" - I dati sull'Rt sono stati "ricertificati" dalla Lombardia, che giorni dopo li ha "rettificati". Cosi' il ministro degli Affari Regionali Francesco Boccia è tornato sulla querelle tra il governo e la Regione sulla responsabilità dell'errore che ha determinato la zona rossa. "I dati vengono trasmessi dalla Regione - ha spiegato il ministro a Sky -. Sono stati lavorati dall'Istituto superiore di sanità e sono stati ricertificati dalla regione Lombardia. E nessuno li ha messi in discussione, tanto che il presidente Fontana aveva annunciato qualche giorno prima che la Lombardia rischiava di tornare in zona rossa, evidentemente sulla base dei propri dati". Qualche giorno dopo l'ordinanza del ministro Speranza, conclude Boccia, "si sono resi conto che quei dati andavano rettificati. E se l'Iss dice che i dati sono stati rettificati, credo all'Istituto". 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali