FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Lʼimam di Terni: "Giusto fare la recita di Natale a scuola, non imporre divieti"

Lʼintervento di Mimoun El Hachmi dopo la polemica sollevata da un assessore comunale per il "no" al presepio imposto da un dirigente scolastico di una scuola primaria per rispettare le altre culture

L'imam di Terni: "Giusto fare la recita di Natale a scuola, non imporre divieti"

"Canzoni e recite natalizie a scuola non sono un male. Se rappresentano una tradizione è bene continuare a farle. Noi musulmani siamo disponibili anche a partecipare". Lo afferma Mimoun El Hachmi, imam del Centro culturale islamico di Terni, intervenendo sulla polemica, sollevata dall'assessore comunale alla Scuola Valeria Alessandrini, relativa al presepe vivente che sarebbe stato vietato dalla dirigente scolastica di una scuola primaria per rispetto delle altre culture.

"Non siamo noi a volere cambiare la cultura del Paese che ci ospita, siamo qui per rispettarla", commenta l'imam, che spiega di avere deciso di intervenire sulla questione "perché c'è chi sta cavalcando la polemica a nome nostro". "Per la nostra Comunità - continua El Hachmi - lo scambio è una ricchezza, siamo tutti fratelli. Diciamo 'no' all'integralismo islamico così come a quelli di altro genere. Per cui trovo giusto che a scuola si possa fare anche un presepe vivente, Dio è nel cuore e non nelle parole".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali