FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Uccise la fidanzata nel Trevigiano, confermata la condanna a 30 anni

La vittima, al settimo mese di gravidanza, era stata colpita con una grossa pietra e poi strangolata. La difesa ha annunciato che ricorrerà in Cassazione

Uccise la fidanzata nel Trevigiano, confermata la condanna a 30 anni

La Corte d'Assise d'Appello di Venezia ha confermato la condanna a trent'anni di carcere nei confronti di Mihail Savciuc, il 20enne moldavo che il 19 marzo 2017 a Vittorio Veneto (Treviso) uccise l'ex fidanzata Irina Bacal. La vittima, sua coetanea e al settimo mese di gravidanza, era stata colpita con una grossa pietra e poi strangolata. L'assassino aveva nascosto il cadavere in un boschetto. La difesa ha annunciato che ricorrerà in Cassazione.

Dopo un'ora e mezza di camera di consiglio, i giudici della Corte d'Assise d'Appello hanno confermato la pena e le provvisionali.

In primo grado il giudice aveva condannato Savciuc anche a risarcire la madre della ragazza con una provvisionale di 200mila euro e la sorella Cristina con 80mila. La difesa aveva fatto appello chiedendo l'assoluzione dell'imputato.

Il suo avvocato, Giorgio Pietramala, aveva chiesto le attenuanti generiche e l'esclusione dei motivi abbietti incontrando l'opposizione del procuratore generale Paola Cameran e dell'avvocato Andrea Piccoli che assiste la famiglia della vittima.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali