FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Trento, campagna no-vax paragona bimbi vittime della Shoah agli esclusi dalle scuole perché non vaccinati

Polemiche per lʼiniziativa del movimento SiAmo: condanna unanime della politica. Il presidente di Alleanza per Israele: "Volgare delirio"

I bimbi esclusi dalle scuole perché non vaccinati perseguitati come i bambini ebrei rinchiusi nei campi di concentramento e vittime della Shoah. Fa discutere a Trento il paragone scelto dal movimento SiAmo per una campagna no-vax dal titolo "La storia si ripete". Il maxi cartello itinerante, che da giorni attraversa le vie della città, raffigura due bimbi: uno marchiato come "non ariano", l'altro come "non vaccinato".

Unanime la condanna da parte del mondo politico locale. Il consigliere comunale M5s Andrea maschio, che parla di "oltraggio e spregio della storia", ha chiesto al sindaco di Trento di vietare la sosta del cartellone pubblicitario itinerante. "I contenuti del manifesto delirante e folle affisso a Trento da un gruppo di no-vax è quanto di più offensivo nei confronti delle vittime della Shoah sia mai stato propagandato negli ultimi anni", ha commentato Alessandro Bertoldi, presidente di Alleanza per Israele, parlando di "volgare delirio".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali