FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Milano, stop alle auto il 28, 29 e 30 dicembre Sanzioni fino a 663 euro per chi sgarra

Pm10 fuori norma da un mese, interviene il Comune. Misure drastiche per ridurre lʼavvelenamento dellʼaria anche a Roma e in altre città italiane

Milano, stop alle auto il 28, 29 e 30 dicembre Sanzioni fino a 663 euro per chi sgarra

Dato il livello dello smog il Comune di Milano, come altri centri d'Italia tra cui Roma, ha deciso lo stop della circolazione dei veicoli privati per lunedì 28, martedì 29 e mercoledì 30 dicembre dalle 10 alle 16. Con un solo biglietto da 1,50 euro sarà possibile viaggiare tutto il giorno sui mezzi pubblici del capoluogo lombardo. Gli automobilisti che non rispetteranno il blocco saranno puniti con una sanzione che va da 164 a 663 euro.

Milano, stop alle auto il 28, 29 e 30 dicembre Sanzioni fino a 663 euro per chi sgarra

Prorogati gli sconti dei mezzi pubblici - "In Giunta, oltre ad aver deciso la proroga degli sconti per l'utilizzo dei mezzi pubblici – ha dichiarato l'assessore all'Ambiente milanese, Pierfrancesco Maran –, abbiamo ritenuto di assumere questa ulteriore misura a tutela della salute dei nostri concittadini. Auspichiamo che analogo provvedimento sia assunto dai Comuni della Città metropolitana e lombardi".

Biglietto unico sui mezzi - Fino a Capodanno si potrà viaggiare tutto il giorno sui mezzi pubblici con un biglietto singolo da 1,50 euro. La giunta ha infatti deciso di prorogare questa facilitazione in considerazione degli alti livelli di polveri sottili. Grazie all'incentivo, partito lo scorso 14 dicembre, in questi giorni si è registrato un aumento del 10% dei viaggiatori su bus e metro.

L'ordinanza e le eccezioni - Il municipio ha pubblicato l'ordinanza in cui sono specificati i tratti di strada esclusi dal blocco alla circolazione (come quelli di collegamento tra il confine comunale e alcuni parcheggi periferici) e le deroghe ad alcune tipologie di veicoli.

Tra queste - oltre ovviamente ai mezzi di soccorso, delle forze dell'ordine e a quelli pubblici - sono derogati, e dunque potranno circolare, i veicoli elettrici, ibridi plug-in e ibridi range-extended, quelli del car sharing e quelli con contrassegno per il trasporto di persone con disabilità o utilizzati per il trasposto di persone e animali sottoposti a terapie o esami indispensabili o dimessi da ospedali e case di cura (con adeguata documentazione). Inoltre, potranno circolare i veicoli di lavoratori se l'inizio o la fine del turno coincidono con orari in cui non sono disponibili i mezzi pubblici o se la sede di lavoro non ne è servita (con certificazione del datore di lavoro) e quelli privati se in arrivo o partenza da strutture ricettive (con documentazione) o se destinati o provenienti da scali aerei, ferroviari e marittimi (muniti di apposito biglietto di viaggio).

Come detto, gli automobilisti che non rispetteranno le misure previste dall'ordinanza saranno puniti con una sanzione che va da 164 a 663 euro.

Sei Comuni dell'hinterland milanese aderiscono al blocco - Stop alla circolazione per tre giorni per far fronte all'emergenza smog anche nell'area a nord di Milano. I Comuni di Bresso, Cinisello Balsamo, Cormano, Cusano Milanino, Paderno Dugnano e Sesto San Giovanni hanno deciso di aderire al blocco del capoluogo lombardo e le auto resteranno ferme dalle 10 alle 16 da lunedì 28 a mercoledì 30 dicembre.

L'ORDINANZA DEL COMUNE DI MILANO

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali