FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Strage di Altavilla, la testimonianza: "I due complici? Stavano ingannando anche me"

 L'uomo a "Pomeriggio Cinque" parla del rapporto con Sabrina Fina e Massimo Carandente

Massimo Carandente Sabrina Fina, presunti complici nella strage di Altavilla, non avrebbero provato a ingannare solo Giovanni Barreca. A "Pomeriggio Cinque" parla un testimone vittima della coppia che racconta: "Stavano ingannando anche me. Ma poi grazie a Dio, il Signore mi ha aperto gli occhi". 

L'uomo in una intervista telefonica parla delle richieste bizzarre di Sabrina e Massimo e di come le ha, nel tempo, assecondate prima di rendersi conto della loro assurdità. "Mi chiedevano di bruciare e buttare alcune cose. Mi stavano facendo esaurire - fa sapere il testimone - resto scioccato pensando con chi avevo a che fare", conclude. 

Intanto si continua a indagare per capire la dinamica degli omicidi della moglie di Giovanni Barreca, Antonella Simeone e dei due figli, di 5 e di 15 anni, Kevin e Christian. La moglie di Barreca è stata la prima a essere uccisa durante il "delirio mistico collettivo", come l'ha definito il procuratore di Termini Imerese Ambrogio Cartosio. "La torturavano a turno, sia Sabrina sia Massimo. Le passavano l'asciugacapelli con la massima temperatura in un punto del corpo, con la padella la colpivano sulla schiena. Hanno anche riscaldato la pinza per il camino con il fuoco e gliel'hanno messa addosso", ha dichiarato in proposito la figlia 17enne, anche lei coinvolta negli omicidi insieme al padre e ai due complici. "Mio padre guardava, io e Kevin eravamo in piedi e ci scambiavamo sguardi, capendo che la cosa non fosse normale", ha concluso. 

 

 

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali