FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Siracusa, prof rimprovera alunno: i genitori gli spaccano una costola

Il pestaggio si è svolto sotto gli occhi degli altri studenti e i carabinieri hanno denunciato la coppia

I genitori di un ragazzo di una scuola siciliana hanno aggredito l'insegnante di educazione fisica a calci e pugni rompendogli una costola. Il professore è quindi stato costretto a ricorrere alle cure dei medici in ospedale. E' accaduto ad Avola (Siracusa), all'istituto Vittorini, dopo che il docente aveva rimproverato il ragazzo. Il pestaggio si è svolto sotto gli occhi degli altri studenti e i carabinieri hanno denunciato la coppia.

Avrebbe alzato la voce verso quell'alunno irrequieto durante la sua ora di educazione fisica. Un rimprovero, come ne avvengono quotidianamente tra i banchi di scuola. Ma lo studente, che ha 12 anni, ha deciso di avvertire subito i suoi genitori per fargliela pagare.

I genitori, papà operaio e mamma casalinga, sono arrivati nel cortile dell'Istituto Vittorini ad Avola e hanno cominciato a picchiare con calci e pugni l'insegnante di 60 anni. Il docente è stato ricoverato in ospedale. La prognosi è di 10 giorni per la frattura di una costola. Solo l'intervento di altri docenti ha evitato peggiori conseguenze.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali