FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Siracusa, delegazione di politici sulla Sea Watch "rompe" il divieto imposto da Salvini | Il ministro: "Ong ha messo a rischio vite migranti"

A bordo il deputato Fratoianni, con i parlamentari Magi e Prestigiacomo. Berlusconi: "Farei sbarcare i migranti"

Una delegazione composta dai parlamentari Stefania Prestigiacomo (FI), Riccardo Magi (+Europa) e Nicola Fratoianni (Sinistra italiana) è salita sulla nave Sea Watch 3 ed è rimasta a bordo per alcune ore. "Siamo sulla nave nonostante il divieto delle autorità", ha fatto sapere Fratoianni, che ha raggiunto l'imbarcazione a bordo di un gommone.

Le foto dei migranti a bordo della Sea Watch

La delegazione (nella quale sono presenti anche medici, la portavoce di Sea Watch Italia Giorgia Linardi e Alessandra Sciurba di Mediterranea Saving Humans) ha incontrato "i 47 naufraghi salvati a bordo della nave", fa sapere un comunicato di Mediterranea Saving Humans, e ha verificato "le loro condizioni fisiche e psicologiche. Raccoglierà le loro testimonianze sugli abusi e le torture subite nei campi di detenzione in Libia. E documenterà infine tutte le legittime motivazioni a sostegno della richiesta di sbarco immediato per tutte le persone a bordo".

Salvini: Sea Watch ha messo a rischio vite umane, ci sono prove - "Abbiamo elementi concreti per affermare che, mettendo a rischio la vita delle persone a bordo, il comandante e l'equipaggio della ong Sea Watch 3 abbiano disubbidito a precise indicazioni che giorni fa li invitavano a sbarcare nel porto più vicino (non in Italia!), prove che verranno messe a disposizione dell'autorità giudiziaria. Se così fosse, saremmo di fronte ad un crimine e ad una precisa volontà di usare questi immigrati per una battaglia politica, un fatto gravissimo". Lo dice il ministro dell'Interno Matteo Salvini. "Ribadisco - ha aggiunto il ministro - il mio impegno a difendere i confini, la salute e la sicurezza del popolo italiano: non sarò mai complice degli scafisti e di chi li aiuta".

"Spiace che parlamentari non rispettino le leggi" - "Parlamentari italiani (fra cui uno di Forza Italia) non rispettano le leggi italiane e favoriscono l'immigrazione clandestina? Mi spiace per loro, buon viaggio!", ha detto Salvini a proposito del blitz dei politici a bordo della Sea Watch nonostante i divieti.

Siracusa si moblita per i migranti della Sea Watch

Prestigiacomo: "Per due giorni ci hanno negato permesso" - Il "blitz" è confermato anche da Stefania Prestigiacomo che ha spiegato: "Siamo salpati questa mattina noleggiando un gommone da privati, dopo che per due giorni ci era stato negato di salire a bordo". Con loro, rivela la parlamentare, ci sono anche la mediatrice culturale Alessandra Sciurba, l'avvocato Nicoletta Piazzese e lo psichiatra Gaetano Sgarlata.

I migranti mostrano i segni delle torture - Alcuni migranti hanno mostrato ai politici saliti in delegazione sulla Sea Watch i segni delle torture subite in Libia. I politici hanno incontrato l'equipaggio e quindi hanno parlato con i profughi.

Magi a Salvini: illegale impedire l'ispezione - Duro l'attacco, da bordo della Sea Watch, di Riccardo Magi al vicepremier. "Spiace che ci sia un ministro dell'Interno che a giorni alterni faccia il membro dell'Esecutivo, il giudice e il poliziotto. E' il degrado delle istituzioni. Noi abbiamo esercitato le prerogative parlamentari costituzionalmente protette volendo svolgere ispezioni in un luogo da giorni nel limbo del diritto e dell'umanità. Sarebbe stato illegale impedirci l'ispezione e le motovedette se avessero voluto lo avrebbero potuto fare. E questa è già una risposta".

Il Pm di Siracusa: non chiesta assistenza medica ma psicologica - "Il comandante della Sea Watch ieri ha chiesto assistenza psicologica per le persone a bordo, non ha sollecitato un'intervento per emergenza medica". Lo precisa il procuratore reggente di Siracusa, Fabio Scavone. il quale, sul blitz dei politici a bordo della nave, sottolinea di aessere "aggiornato tempestivamente sulla situazione a bordo", ma "la giustizia non insegue i tempi della politica, di qualunque parte sia, o della comunicazione veloce: noi applichiamo la legge".

La polizia aveva bloccato un primo tentativo - "E me e ad altri parlamentari è stato impedito di salire a bordo della Sea Watch per verificare le condizioni dei passeggeri e dell'equipaggio. Di fatto è stato impedito a dei parlamentari italiani l'esercizio delle proprie prerogative sul territorio nazionale. Questo è gravissimo e va ben oltre le questioni legate al governo dell'immigrazione". Lo aveva denunciato poche ore prima il deputato radicale di +Europa Riccardo Magi.

Berlusconi: "Io farei scendere i migranti" - "Credo francamente, con senso di realismo, che 47 nuovi immigrati che si aggiungono ai più di 600mila che abbiamo oggi sul territorio del Paese non cambino nulla". A sostenerlo è il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, secondo il quale "se fosse mia responsabilità, io li farei senza dubbio sbarcare".

Gli abitanti di Siracusa: "Pronti ad accogliere i migranti" - "Fateli scendere!", con questo grido un gruppo di circa 400 siracusani ha deciso di ritrovarsi sulla costa in contrada Stentinello, un pezzo di scogliera divenuto col tempo discarica a cielo aperto, che si affaccia sulla rada di Santa Panagia dove sullo sfondo è ben visibile la Sea Watch 3. Dietro a striscioni, palloncini colorati, bandiere, un coro unanime "Benvenuti" e poi quello slogan ripetuto più volte. Sui social non mancano le critiche, i commenti che invitano la Sea Watch a riprendere il largo ma sono una minoranza. E sui balconi di corso Umberto, via del centro di Siracusa, compaiono gli striscioni "Fateli scendere".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali