FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Palermo, operaio Blutec piazza la tenda davanti alla fabbrica per protesta: "Voglio solo lavorare"

La cassa integrazione di maggio e giugno, per lui e per altri colleghi, è stata bloccata per problemi tecnici: "Ho dovuto chiudere casa per i debiti, mandando moglie e figli da mia madre"

Un operaio di Blutec, Vito La Mattina, ha piazzato una tenda davanti ai cancelli della fabbrica ex Fiat a Termini Imerese (Palermo): "Non ce la faccio più, starò qui fino a quando non mi faranno lavorare". Il lavoratore, come gli altri colleghi, non ha ancora ricevuto la cassa integrazione di maggio e giugno, bloccata per problemi tecnici: "Ho dovuto chiudere casa per i debiti, mandando moglie e figli da mia madre".

"Non posso pagare le bollette di casa, non ho i soldi per la rata del mutuo di ristrutturazione, non riesco neppure a fare la spesa. Sono stanco, tanto stanco", si è sfogato il 51enne. Un gruppetto di lavoratori lo ha raggiunto sul luogo della protesta per sostenerlo.

La cassa integrazione - A parte i mancati pagamenti della cig in corso, gli operai di Blutec e dell'indotto aspettano la firma del decreto per la proroga della cassa dal primo luglio al 31 dicembre. "Sono un operaio Blutec, ma in realtà non ho mai lavorato neppure per un'ora, mai messo piede in stabilimento", ha sottolineato La Mattina.

L'appello dell'operaio - Da quando l'azienda ha rilevato la fabbrica da Fiat, quasi cinque anni fa, "mi hanno sempre messo in cassa integrazione. Per oltre 25 anni ho lavorato in Fiat, sono stanco di fare il cassaintegrato". L'operaio ha poi lanciato un appello: "Ho degli attestati di specializzazione, mi mandino dove vogliono ma mi facciano lavorare. Con me vivono mia moglie e due figli maggiorenni, ai quali non riesco a garantire più nulla".

Blutec, operaio in tenda davanti alla fabbrica per protesta

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali