FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Migranti, sequestrata nave tedesca Iuventa: "Accordi coi trafficanti ma per scopi umanitari"

La procura conferma lʼaccusa di favoreggiamento dellʼimmigrazione clandestina ma scagiona la Ong: "Coinvolti membri dellʼequipaggio"

La Procura di Trapani, che da mesi indaga sui salvataggi effettuati nelle acque del Canale di Sicilia da navi delle Ong, ha chiesto e ottenuto dal gip il sequestro della Iuventa, una delle imbarcazioni della organizzazione non governativa tedesca "Jugend Rettet". Il reato ipotizzato è il favoreggiamento dell' immigrazione clandestina. Per la Procura sono coinvolti singoli membri dell'equipaggio mentre la Ong è estranea: "Nessuno scopo di lucro".

Nell'inchiesta, condotta dallo Sco, è stato usato anche un agente sotto copertura. In particolare, uno avrebbe lavorato sulla nave Vos Hestia che opera per conto di Save the Children.

La Iuventa "fermata" in mare e condotta a Lampedusa - La Iuventa, un peschereccio battente bandiera olandese di 33 metri, è stato fermato in mare e condotto a Lampedusa. Per scortarlo in porto sono intervenute diverse motovedette della Guardia costiera, con un grande spiegamento di forze dell'ordine anche sulla banchina.

Il comandante della Capitaneria di porto di Lampedusa, il tenente di vascello Paolo Monaco, è salito a bordo della nave dove è rimasto per oltre due ore. "Si tratta di un normale controllo, che abbiamo fatto e che non comporterà alcun problema" aveva spiegato l'ufficiale all'equipaggio. Ma le cose non sono andate così. E dopo qualche ora si è saputo che il peschereccio era sotto sequestro su ordine della magistratura, ricorsa al provvedimento per scongiurare la reiterazione del reato.

Indagine nasce da dichirazioni di due operatori di una nave di Save The Children - A spiegare il contenuto dell'indagine, avviata a marzo di quest'anno dalle dichiarazioni di due operatori della Vos Hestia, è stato il procuratore facente funzioni Ambrogio Cartosio. Gli inquirenti, su input di due ex operatori di Save The children, poi assunti dall'agenzia Imi security Service, avrebbero accertato almeno tre casi in cui alcuni componenti dell'equipaggio della nave, non ancora identificati, avrebbero avuto contatti con trafficanti di migranti libici e sarebbero intervenuti in operazioni di soccorso senza che i profughi fossero in reale situazione di pericolo.

Procura: "Trasbordi senza pericolo, favoreggiamento dell'immigrazione clandestina è evidente" - I migranti sarebbero stati trasbordati sulla nave della Ong scortati dai libici. Per i pm il favoreggiamento dell'immigrazione clandestina, escluso solo quando il soccorso avviene in situazioni di imminente rischio, sarebbe smaccato.

Il racconto del testimone - "La più temeraria era sicuramente la Iuventa che, da quello che ho potuto vedere sul radar, avendo io accesso al ponte, arrivava anche a 13 miglia dalle coste libiche, circostanza anche pericolosa. La Iuventa, che è un'imbarcazione piccola e vetusta, fungeva da 'piattaforma' ed era sempre necessario l'intervento di una nave piu' grande sulla quale trasbordare i migranti soccorsi dal piccolo natante...", ha raccontato ai pm uno dei testimoni che rivela anche che i gommoni usati dai trafficanti venivano restituiti agli scafisti.

Gli episodi contestati risalgono al 18 e 26 giugno e al 10 settembre. "Ma ve ne sono anche altri - ha spiegato il magistrato - che contribuiscono a sostenere che questa condotta sia abituale".

Ong non coinvolta, per Procura dietro la condotta dell'equipaggio "motivi umanitari" - La responsabilità degli illeciti sarebbe individuale. Non ci sarebbero cioè legami tra i trafficanti e la Ong: infatti non è stata contestata l'associazione a delinquere. "E comunque - ha precisato Cartosio - le persone coinvolte non hanno agito per denaro. La mia personale convinzione è che il motivo della condotta dell'equipaggio sia umanitario".

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali